Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Francesco Saltarelli...

indice/elenco

  MEMORIA

Archivi in rete per non dimenticare:

BENEDETTO PETRONE/1

link

  MEMORIA

ANNUARIO

 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle
 
Benedetto Petrone

FRANCESCO LOPEZ UN REGISTA IMPEGNATO AL RECUPERO DELLA MEMORIA DI BENEDETTO

Iniziative
Genova 2001
Ylenia

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

 
 
 
 
 

28-29 NOVEMBRE 1977

BENEDETTO PETRONE

LE INIZIATIVE PER NON DIMENTICARE BENNY

Bari 28 novembre 2014 (Porzia Petrone, un giorno triste)

Il sindaco de Caro omaggia la lapide

bari antifascista ricorda benedetto petrone

Comunicato stampa 28 novembre 2014

Bari antifascista ricorda Benedetto Petrone



Potrebbe interessarti:http://www.baritoday.it/cronaca/bari-antifascista-ricorda-benedetto-petrone-28-novembre.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190

 

 

Bari 28 novembre 2011 cerimonie al mattino e corteo al pomeriggio

Brindisi 26 novembre serata antifascista per ricordare Benny e gli altri compagni vittime del neofascismo e per non smettere mai nella ResistenzaAntifascista

28n2000_bpetrone.JPG (248955 byte)

28 Novembre 2000

BARI 28 NOV 2010

Bari 28 novembre 1987

Bari 28 novembre 2007

IL SILENZIO UCCIDE

 

TESTIMONIANZE

riportiamo la testimonianza di Nicola Latorre sull'assassinio di Benedetto

-trattasi di stralcio  dell'apporto di Nicola Latorre 

nella stesura collettiva del libro  GLI AUTONOMI

 

 

FONTE foto: http://bari.repubblica.it/multimedia/home/1351240/1/10

 

 

Ci avviamo all'autunno attraversando mesi segnati dalla quotidiana violenza fascista . A Carrassi e Poggiofranco la situazione era ormai critica, con la persistente presenza organizzata della “Passaquindici”, la cui leadership già iniziava a tessere relazioni con 

il gruppo terrorista di Terza Posizione. La stessa “Gazzetta” era stata fatta oggetto 

di una incursione squadrista, rea di aver pubblicato alcuni articoli di denuncia sull'irrespirabile clima di intimidazione che gli abitanti dei quartieri erano costretti

 a vivere.

Da qualche settimana, il giro di noi compagni piú giovani aveva dato vita alle “ronde” 

per il centro commerciale:entravamo in gruppo nei negozi di abbigliamento ed i

 calzaturifici dove lavoravano 10-12 ore al giorno ragazzi e ragazze,la maggior parte minorenni,imponendo una sorta di “riduzione d'orario” attraverso la chiusura 

anticipata del negozio. La sera del 28 novembre,tra risa e scherzi, tornammo 

da una di quelle “ronde” al giardino dell'Ateneo. Di lì a poco l'arrivo di un compagno trafelato ruppe la nostra allegria:Benedetto Petrone e Francesco Intranó ,entrambi militanti della FGCI della città vecchia,erano stati accoltellati gravemente dai fascisti. Di Benedetto ero amico. Quasi coetanei,da quando aveva lasciato il ragioneria

 per lavorare nel mercato rionale vicino casa ,ci frequentavamo spesso. 

Anche se della FGCI era un proletario cosciente ed un antifascista militante,

con le nostre stesse passioni ed inquietudini, fortemente critico verso 

quel suo partito che vedeva rinunciare alle lotte per stringere accordi con 

la borghesia e la Dc.

I fascisti ,quasi un centinaio usciti dalla centralissima federazione provinciale di via Piccinni, aveva teso un vero agguato a un gruppo di una quindicina di compagni di barivecchia i quali,avvisati della presenza di noti fascisti nei pressi del quartiere,

si erano recati a dare un occhiata a quel che succedeva. I fascisti li aggrediscono a pochissimi metri dalla Prefettura,dove misteriosamente era scomparso il presidio 

della polizia che permanentemente ne vigilava l'entrata. Benedetto,claudicante 

sin da piccolo ad una gamba,viene raggiunto e più mani lo accoltellano a morte,

cade e per lunghi minuti viene ancora colpito con spranghe e chiavi inglesi. 

Francesco, attardandosi in suo aiuto,viene anch’egli gravemente ferito dalle lame....prossima puntata

LOTTA CONTINUA:morire a 18 anni...

 la reazione dei compagni

i funerali di Benedetto,l'ultimo saluto ...

Giuseppe Piccolo , fascista e provocatore promosso ad assassino...

un documento dell'ORA ( organizzazione rivoluzionaria anarchica) su i fascisti baresi e le coperture, l'assassinio di Benededetto

 

28NOVEMBRE 2005 lettera aperta alla città ...di Nicola Latorre  

 

altro video su benedetto petrone


 LINK SU BENEDETTO

jackpunk.afasici.net/?p=260

http://www.sciroccorosso.org/

http://www.nelvento.net/archivio/68/ms/bari/polo.gif

http://www.bennyvive.it/

http://bari.repubblica.it/multimedia/home/1351240/1

http://www.ciaobenny77.splinder.com/

http://ciaobenny77.splinder.com/tag/benedetto+petrone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

home page


 

Open Area Pugliantagonista

informa

mail provvisoria

pugliantagonista@libero.it


 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it
 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it