ritorna ad  HOME PAGE osservatorio 

E' consentita la riproduzione , ,senza fini di lucro dei materiali prodotti dall'Osservatorio sui Balcani di Brindisi  con l'obbligo  di riportarne esplicitamente la fonte.

OSSERVATORIO SUI BALCANI DI BRINDISI

 CHI SIAMO  NEWS  Mail  INCHIESTE/ARTICOLI  ARCHIVIO
 URANIO U 238   PUGLIA MILITARIZZATA  IL FUTURO MILITARIZZATO MIGRANTI E FFAA MILITARIA RECENSIONI

OPEN AREA Pugliantagonistainforma

Archivio storico   Benedetto Petrone

Pugliantagonista homepage
categorie

L'archivio dell'OSSERVATORIO

Pagine

correlate

HIROSHIMA DAY

Armi

armamenti

NLW  armi non letali


Controllo di massa


Forze Armate

Italia

Mondo


Guerre

Afghanistan

  Balcani

 Iraq

Kosovo

Mondo


Movimenti

no-global

no-war

no-nuke

no-racisme


Servizi segreti


Stragi


Storia

II Guerra mondiale

 

 

Guerra fredda


 

 

 

 

prova paginaCONTRO L’ABORTO DI CLASSE

Come e perché lottare per l’aborto libero

Un libro una lotta infinita….

Tra le proteste  di piazza delle donne, dopo la recente incursione  della polizia in una corsia di ginecologia dopo un aborto legale e giuliano ferrara che  si presenta  nella battaglia elettorialew in chiave antiaborista,  la redazione dell’Archivio storico Benedetto Petrone ripropone  al lettura di un libro che ha fatto la storia della battaglia femminista e per l’a libertà di aborto:

MLD- Partito Radicale   CONTRO L’ABORTO DI CLASSE , Giulio Savelli editore, Roma 1975

 -Archivio storico Benedetto Petrone, sede BARI, Fondo Nicola la Torre  numero catalogo LM/23

Da esso riportiamo la pagina relativa all’arresto di Adele Faccio

Domenica 26 gennaio 1975, l’arresto di Adele faccio, sul Paco dell’Adriano a Roma , al tavolo della presidenza deòl convegno nazionale sull’aborto organizzato dal MLD (movimento Liberazione della Donna) e dal partito Radicale, avviene nel più assoluto silenzio in un teatro gremito da tremila persone.

Tre ore prima la responsabile del CISA era entrata a ccompagnata da >Pannella e si era seduta accanto a suor Marisa Galli e a Loris Fortuna, accolta da calorosi applausi. Riappariva a Roma dopo dieci giorni ddi latitanza a causa di un mandato di cattura della procura di Firenze per le imputazioni di procurato aborto pluriaggravato e associazione a delinquere a seguito della scopertas delle attività del CISA presso la clinica fiorentina del dott.Conciani.

Fuori del teatro , centinaia di carabinieri e poliziotti con scudi e lacrimogeni pronti agli ordini del capo della polizia politica di Roma , dottor Improta e del colonnello delI CC Vitali, ad irrompere per esegiuire l’ordine di arresto.

Adel al microfono raccomanda la calma.

Sono improta e Vitali che consegnano il mandato di arresto che la stessa Adedle legge al microfono per poi esser portata via.. poi il silenzio è rotto dagli slogan delle donne e Mauro mellini che intona una vecchia canzone anarchica…

Sì perché di  fede anarchica  era Adele faccio , biellese, femminista, expartigiana, professoressa di filovia romanza e che aveva fondato il CISA , prsso la sede del Partito radicale  in corso Porta Vicentina a Milano. Un centro che aveva organizzato in cinque anni dal 70 circa seimila aborti che erano sfuggiti al mercato della mafia dei dottori dai cucchiai d’oro, di giorno di fede clerico-fascista e antiaborto e di notte dalle parcelle salatissime nelle loro cliniche ambulatori privati  dove praticavano illegalmente l’aborto.

Quel giorno a Roma la campagna antiaborto raggiunse  la fase più incandescente  dopo che il 13 gennaio c’era stato l’arresto del segretario dedle Partito radicale , Gianfranco spadaccia  che aveva  rivendicatio uin una dichiarazione pubblica la responsabilità delle attivita del CISA.

L’arresto di Soadaccia, tenuto in carcere a Sant.Agnolo a Firenze per un mese, scatenò  reazioni a tutti i livelli, interrogazioni in parlamento e campagne di stampa oltre che la mobilitazione delle femministe e dei compagni….,.

 

 

Ringraziamo Nicola Latorre che ha posto a disposizione  questo libro  contenuto nel suo fondo personale e che ci ha permesso di riaprie questa pagina di storia che appartiene a tutti noi e che ancor oggi  è pienamente attuale.