ritorna ad  HOME PAGE osservatorio

E' consentita la riproduzione , ,senza fini di lucro dei materiali prodotti dall'Osservatorio sui Balcani di Brindisi  con l'obbligo  di riportarne esplicitamente la fonte.

OSSERVATORIO SUI BALCANI DI BRINDISI

 CHI SIAMO  NEWS  Mail  INCHIESTE/ARTICOLI  ARCHIVIO
 URANIO U 238   PUGLIA MILITARIZZATA  IL FUTURO MILITARIZZATO MIGRANTI E FFAA MILITARIA RECENSIONI

OPEN AREA Pugliantagonistainforma

Archivio storico   Benedetto Petrone

Pugliantagonista homepage

categorie

 

chi  siamo : la scheda sull'Osservatorio

notizie articoli genn/2009

notizie e articoli 2007/2008

vecchio sito osservatorio

 

Armi

Controllo di massa

Forze Armate

  • Italia

  • Mondo

Guerre

  • Afghanistan

  • Balcani
  • Iraq
  • Kosovo
  • Mondo

Movimenti

  • no-global

  • no-war
  • no-nuke
  • no-racisme

Servizi segreti

Stragi

Storia

  • II Guerra mondiale

  • Guerra fredda

SEGNALAZIONI:

 

ex Base USAF San Vito dei Normanni

operazione DINAK, marzo 1999: missili a difesa della Puglia

1999: uranio a Gioia del Colle

Pescato ...a Brindisi

1)Genova luglio 2001 prove tecniche di militarizzazione urbana


2)Italia, luglio 2008 esercito nelle città

3)  Bari 4 Agosto 2015, la battaglia dei forni

 

tutte le news

 

 

   

LA SCHEDA

L’Osservatorio sui Balcani di Brindisi nasce nell’estate del 1999 come proposta di struttura al servizio del movimento pacifista ed antimilitarista pugliese che si è opposto alla guerra della Nato contro la Serbia.

Inizialmente il nome completo di questa struttura è stato Osservatorio sui Balcani e sulla militarizzazione in Puglia; in seguito tale nome è stato abbreviato in quello attuale.

Perché questa proposta?

  a)     I soggetti proponenti ,  analizzate le esperienze vissute negli ultimi decenni , in Puglia, nel campo delle lotte antimilitariste ed antimperialiste e che hanno dato vita nella nostra regione momenti anche di forte intensità, hanno constatato la forte difficoltà nel sedimentare capacità organizzativa,  analisi e  coordinamento tra le diverse realtà territoriali.

  b)    La consapevolezza che il movimento NOWAR si sarebbe dovuto confrontare ben presto con altre e più gravi emergenze; nubi si addensavano già nell’estate 99 sul cielo mediorientale, preannuncianti la guerra all’Iraq, l’aggravarsi della crisi palestinese, con la Nato che nel suo cinquantesimo affermava di essere l’organizzazione  portatrice di pace sullo scacchiere globale  , allargando le sue competenze.

  c)     Aprire una discussione sul modello Esercito Professionale ritenuto da noi funzionale al costruendo Esercito Mercenario Internazionale (EMI)

  d)    Porre all’attenzione di tutto il movimento l’anomalia di una regione, come la Puglia , definita dagli strateghi militari “una Grande Base Logistica per le operazioni verso l’area balcanica e mediorientale”; una definizione sinonimo di militarizzazione infinita e limitazione alle possibilità dello sviluppo dell’economia civile.

OSSERVATORIO SUI BALCANI DI BRINDISI

osservatoriobrindisi@libero.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



lE' consentita la riproduzione , anche parziale,senza fini di lucro dei materiali prodotti dall'Osservatorio sui Balcani di Brindisi  con l'obbligo  di riportarne esplicitamente la fonte.