Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo
 

ritorna a HOME PAGE

 
categorie/index

pagine dell'annuario dell'archivio 1918-1945 

il 1937/1

link

1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
2001>>
 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle
Iniziative
Benedetto Petrone
 
Genova 2001
Ylenia
è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

 

Montella(AV) 20 luglio 1937 

Pagine ingiallite di storia irpina

a cura di Antonio Camuso

L’ara votiva sul santissimo Salvatore e  le prime prove di Turismo(ferroviario) organizzato, 80 anni fa.

(inserito nelle nostre pagine di Irpinia Ribelle_le storie/9)

 Chi per passione fa l’archivista  e  il ricercatore storico  , come il sottoscritto, sa che  a sfogliare  vecchie pagine ingiallite di giornali di quasi un secolo fa ,  gode di quella sensazione di viaggiare nel tempo che lo accomuna con gli archeologi  mentre  sono intenti  in qualche “scavo”. In entrambi i campi  sono pochi gli Indiana Jones che si imbattono in tesori favolosi o notizie  choccanti, ma il gusto di rivivere  luoghi e fatti passati è altrettanto emozionante  anche nelle piccole notizie che si traggono dalla lettura dei giornali d’epoca, ancor più quando  si va a “spulciare” con la lente di ingrandimento le notizie di cronaca” locale”.

Il Mattino, 21 luglio 1937 ( fondo “ A.Camuso_Montella “ , Archivio Storico Benedetto Petrone)

L’ara votiva sul santissimo Salvatore.

Mentre la prima pagina del giornale napoletano “Il Mattino” apre a titoli cubitali sulla morte di Guglielmo Marconi,  in un anno che vede l’Italia imperiale e mussoliniana, illudersi di aver conquistato il suo posto tra le grandi nazioni e di poter  incidere sui destini del Mondo, la lettura  delle pagine interne  dedicatealla vita locale è  nello stile soporifero  e di addomesticamento delle coscienze,consona a tutti i giornali di regime. Le cronache danno un’immagine aulica della vita  degli strati popolari , dove povertà e disoccupazione sembrano aboliti,  che ci si diverta  tra sabati fascisti e cerimonie commemorative nazionaliste  ed addirittura  ci sia anche il tempo e la disponibilità economica per dedicarsi al turismo. 

Montella 20 luglio 1937: auspice il nostro Podestà avv cav Bruni Montella esaudirà quello che per anni  è stato un suo vivo desiderio , un ricordo dei suoi Eroi. Infatti con un recente provvedimento  della Giunta Provinciale , è stato approvato il deliberato del podestà , che devolve la somma di Lire 10.000 – raccolta circa tre lustri or sono per la costruzione di un monumento  e passata attraverso un annosa procedura, - alla costruzione di un’Ara Votiva, sul Monte del santissimo Salvatore , presso il miracoloso santuario. Il ricordo sarà opera dell’Ingegne r Cianciulli, che gratuitamente ha redatto il progetto , che sarà eseguito per il giorno 6 agosto in occasione del pellegrinaggio  su quel sacro monte.

Treno e turismo universitario in camicia nera a Montella.

Montella 20 luglio: come già annunciato il GUF  (Gruppi Universitari Fascisti)di Avellino ed i nuclei della provincia saranno a Montella per un’escursione sull’altipiano di Verteglia( m.1100) e sul Monte Terminio( m 1780).

Alla testa dei giovani universitari sarà il Federale di Avellino dott Vittorio Campanile.

I partecipanti saranno ospiti del comune di Montella. Al loro arrivo fissato per le ore 10, tutte le autorità, il Fascio, le organizzazioni giovanili, saranno presenti allo scalo ferroviario per riceverli. Alle ore 11 dopo l’omaggio ai caduti della Grande Guerra, il Podestà li riceverà nel palazzo comunale.indi si effettuerà una visita ai lavori della rotabile che porta al Santuario del Santissimo Salvatore ,costruzione il cui merito è del cav Bruni che sta vincendo una battaglia per l’incremento del turismo in provincia.

Gli ospiti la mattina successiva compiranno un’escursione sul Terminio.  Il ritorno avverrà nel pomeriggio onde poter rientrare in serata ad Avellino . Per gli universitari l’iscrizione è di sole lire 7 e si può fare sia ad Avellino che a Montella. 

Considerazioni in breve .

 E’ amaro constatare che 80 anni fa  l’idea dell’utilizzo della ferrovia Avellino Rocchetta come mezzo di promozione turistica e di apertura  verso  il mondo esterno delle parti più interne  dellla “verde e boscosa Irpinia”  fosse  un dato di fatto, mentre oggi  quell’importante mezzo di collegamento è ritenuto , un ramo secco, da mandare in malora come  stanno andando, in questa torrida estate, fiumi e boschi . Ci auguriamo che iniziative come quella  di fine agosto che in occasione dello Sponz Festival , “risusciterà” quella tratta ferroviaria, possano essere propedeutiche ad illuminare burocrati, amministratori e politici da strapazzo capaci di guardare il futuro attraverso  i conti maldestramente scritti su qualche quaderno più ingiallito dei giornali che noi abbiamo in questa pagina riproposto.

Antonio Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone

20 luglio 2017

 

HOME PAGE


OPEN AREAL'informazione

 di

 

 

Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

 

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it