ritorna ad  HOME PAGE osservatorio

E' consentita la riproduzione , ,senza fini di lucro dei materiali prodotti dall'Osservatorio sui Balcani di Brindisi  con l'obbligo  di riportarne esplicitamente la fonte.

OSSERVATORIO SUI BALCANI DI BRINDISI

 CHI SIAMO  NEWS  Mail  INCHIESTE/ARTICOLI  ARCHIVIO
 URANIO U 238   PUGLIA MILITARIZZATA  IL FUTURO MILITARIZZATO MIGRANTI E FFAA MILITARIA RECENSIONI

OPEN AREA Pugliantagonistainforma

Archivio storico   Benedetto Petrone

Pugliantagonista homepage
categorie

Migranti e Forze Armate /2

Pagine

correlate

Armi

armamenti

NLW  armi non letali /


Controllo di massa


Forze Armate

Italia

Mondo


Guerre

Afghanistan

  Balcani

 Iraq

Kosovo

Mondo


Movimenti

no-global

no-war

no-nuke

no-racisme


Servizi segreti


Stragi


Storia

II Guerra mondiale

 

 

Guerra fredda


 

 

 

8 MARZO 1991

VENTIMILA ALBANESI A BRINDISI: UNA CITTA' CHE FECE STUPIRE L'ITALIA PER LA SUA SOLIDARIETA' AI MIGRANTI

un ricordo dalla redazione

Per circa due giorni, dal 6 a 7 marzo 1991,  tra le acque internazionali e quelle territoriali italiane si era svolta la prima operazione di interdizione di migranti da parte della Marina Militare italiana. un'operazione " con manovre cinematiche e intimidatorie" avrebbe dovuto far invertire la rotta dei boat people, ripetuta poi nell'agosto 91 quando migliaia di albanesi cercarono di sbarcare a Bari e tragicamente poi nel marzo 97, in quel maledetto venerdý santo che caus˛ l'affondamento della Kater I Rades e la morte di un centinaio di albanesi. In ogni caso queste non impedirono l'arrivo dei migranti rafforzando quanto le organizzazioni antirazziste del territorio pugliese affermavano da tempo che non con i cannoni si sarebbero potute fermare le ondate migratorie dai Paesi del Sud del Mondo.
Quell' 8 marzo era in programma una manifestazione di donne organizzata dall'Associazione Io Donna e da altre organizzazioni femministe , che fu interrotta e quindi  annullata  a causa dell'emergenza: le compagne  insieme agli uomini , gli operatori e gli utenti del centro Sociale ( contro l'emarginazione giovanile) di Via santa chiara di Brindisi si unirono allo sforzo corale di tutta la cittÓ di Brindisi che con i propri mezzi si trov˛ a gestire l'emergenza.
 Il Centro Sociale divenne  il campo docce, disinfestazione e vestizione di migliaia di albanesi. Per giorni a turni massacranti tutti i militanti storici, i giovani da poco inseriti nelle attivitÓ ludiche , le donne spesero tutte le forze,  le famiglie dei compagni arruolate tout court nelle mense familiari, nell'accoglienza, in un'esperienza irripetibile e che vale, vale... la pena ricordare per comprendere appieno il significato di solidarietÓ che Ŕ dentro in ogni essere umano.
Per me e per  Roberto Bobo Aprile ed altri redattori di Radio Casbah fu il momento di mettere a frutto l'esperienza maturata nella conoscenza dell'importanza della comunicazione nell'epoca della realtÓ mediatica. E ci lanciammo  in poche ore in un'operazione riuscitissima nel dar voce a coloro che sarebbero dovuti diventare nell'immediato futuro un grande fenomeno  sociale, politico, economico, militare: I MIGRANTI.
Un'esperienza bellissima che in parte troverete sulle pagine dedicate a quel marzo 91 sul sito dell'Osservatorio sui Balcani di Brindisi,  ma che conteremo come redazione di ampliare con documenti , foto e testimonianza dell'epoca.
Antonio Camuso
per l'Osservatorio sui Balcani di Brindisi
Brindisi 7 marzo 2008

 

PROPONIAMO A 17 ANNI DI DISTANZA LE FOTO SCATTATE DA UN OPERATORE  DEL CENTRO SOCIALE  (contro l'emarginazione giovanile)DI VIA SANTA CHIARA DI BRINDISI NELLE PRIME ORE DELL'ARRIVO DEI VENTIMILA ALBANESI A BRINDISI NEL MARZO 91

I DEBOLI TENTATIVI DI FAR RIMANERE A BORDO I MIGRANTI DA UN ESIGUO SCHIERAMENTO DI CARABINIERI E POLIZIOTTI   SI INFRANGONO DINANZI ALL' OSTINATA VOLONTA' DI RAGGIUNGERE "IL NUOVO MONDO"

UNA LEZIONE CHE PURTROPPO NON SARA' COMPRESA SEI ANNI DOPO E GENERERA' LA STRAGE DEL VENERDI SANTO DEL MARZO 97 NEL CANALE D'OTRANTO

Mario Merico insieme ad altri volontari del Centro Sociale (contro l'emarginazione giovanile)  di via Santa Chiara di Brindisi, mentre distribuisce cibo sul molo del porto di Brindisi, a poche ore dallo sbarco degli albanesi

la tensione sul molo di santa Apollinare cresce ed i CC non riescono a frenare lo sbarco degli albanesi

ormai migliaia di albanesi  e rom in condizioni disperate irrompono dalle navi sul molo di sant'apollinare

 

caserma esercito Restinco (excampo profughi) marzo91 . Alcuni mesi dopo gli albanesi faranno lo sciopero della fame  per essere accolti in Italia.

 

1)Brindisi 12 anni di lotte al fianco dei migranti

2)Brindisi,           8 marzo 1991, ventimila albanesi

3)Il Comitato di solidarietÓ italo-albanese di Brindisi

4) 28/3/97 la strage del canale d'Otranto

5)le iniziative per ricordare i morti della Kater

6)Kater: i fatti raccontati dai superstiti

7) Il processo ai responsabili della strage della Kater

8) la Pivetti disse ributtateli a mare!

9) The case of the Kater I Rades

10) La mostra sull'affondamento della Kater

11) il primo, profetico, comunicato sulla Strage

per leggere tutte le pagine sull'argomento clicca su

MIGRANTI E FFAA