Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/categorie

L'ALTRARESISTENZA AL NAZIFASCISMO/8

link

L'ALTRA RESISTENZA
1)CARLO BUSCAGLIA
2) Arrigo Boldrini " Bulow"
3)Nicola Bellomo
4)il giudizio sui caduti della RSI e 'aeronautica repubblichina
5)  Brindisi 8 settembre 43: la Fenice e l'ultima missione
6) 8 settembre 43 inizia la guerra di liberazione
7)12 settembre 43 Barletta con Il colonnello Grasso resiste ai tedeschi
8) la resistenza della div. Acqui a Cefalonia, settembre 1943
                         9) 7 ottobre 1943 la deportazione dei carabinieri romani in Germania
10) Aprile 45:l'ultimo caduto della Aeronautica Italiana
 

categorie

Resistenza
l'altra Resistenza
 
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle
 
Benedetto Petrone
Iniziative
Genova 2001
Ylenia
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

RESISTENZA...ma non solo ....L'ALTRA RESISTENZA: I MILITARI ITALIANI CONTRO IL NAZIFASCISMO.PER NON DIMENTICARE CEFALONIA

 

8/

CEFALONIA PER NON DIMENTICARE

13-14 settembre 1943:

gli uomini della divisione Acqui  votano: non arrendersi e combattere i nazisti!

8-24 SETTEMBRE 1943 la battaglia dell'isola di Cefalonia

La  divisione ACQUI che nel cuore non si arrese mai e che decise di combattere votando in assemblea...

La vicenda della divisione Acqui e dell’eroismo con cui essa riuscì a tenere testa per più di due settimane alle forze tedesche, che circondavano l’isola nel settembre 43,  è tornata alla luce da troppo poco tempo.

 Troppe le responsabilità di cui si macchiarono il comando generale italiano a cui capo erano il RE e  Badoglio, troppe quelle degli alleati che non ritennero opportuno sprecare una sola nave  né un aereo per alleggerire la pressione militare tedesca contro l’isola di Cefalonia ma ancor di più troppo infamante per l’onore dell’esercito tedesco fu quella strage di soldati e ufficiali che una volta arresi furono sterminati senza ragione.

L’autore di quell’infamia non fu il corpo delle SS bensì reparti regolari dell’esercito tedesco e della marina tedesca . Una strage ,come altre,  su cui si volle mettere un velo di silenzio nel dopoguerra poiché il nuovo esercito tedesco era nel frattempo divenuto il primo baluardo, in Europa,  della NATO contro il pericolo da un’invasione russa

Di quel massacro, a Norimberga, gli unici imputati furono:

 1)il generale Lanz semplicemente poichè territorialmente la zona era di sua competenza; condannato a 12 anni ne fece cinque e poi continuò a vivere tranquillamente con la pensione di generale.

2)Il Maggiore Von Hirschfeld comandante delle truppe che massacrarono  gli uomini della Acqui non subì nessun processo poiché morto in combattimento nel gennaio 1945 a Varsavia

La Acqui attende giustizia!

Intanto i 400 ufficiali fucilati dinanzi al muro della “casetta  rossa” attendono ancora giustizia!

I 17 marinai che furono costretti a sotterrarli e poi fucilati per eliminare testimoni attendono giustizia!

Le migliaia di soldati e sottufficiali che furono fucilati o gettati nelle foibe dell’isola,  come quella di Troianata dove furono rinvenuti i resti  di 400 fanti dell’11 btg/17° fanteria, attendono giustizia!

Attendono ancora giustizia  1300 soldati prigionieri imbarcati su navi tedesche e morti per affondamento delle stesse su  mine o su attacco alleato!.

Attendono giustizia  i morti per stenti nei campi di concentramento o nello stesso campo di prigionia a che fu impiantato sull’isola.

Ma la Acqui non fu mai domata!

I mille prigionieri rimasti su quel campo si organizzarono in cellule pronte all’insurrezione mentre molti soldati che sfuggiti alla cattura si erano rifugiati sulle montagne cooperarono con i partigiani greci dell’isola o addirittura furono trasferiti sul territorio greco dove contribuirono alla resistenza ai tedeschi.

Il giorno della riscossa

Il 26 agosto 1944 l’isola di Cefalonia insorse contro i tedeschi e tra i partigiani in armi ci furono tutti i superstiti della divisione Acqui dimostrando come la Resistenza  e la lotta per la libertà sono più forti della Barbarie nazifascista

In 1256 gli uomini della Acqui raggiunsero l’Italia il 12 novembre 1944. Alcuni di loro non vedevano casa da quattro anni ed erano partiti in 11.500 al canto di Faccetta nera e Giovinezza e ritornarono antifascisti convinti.

processo per la strage dopo 66 anni

http://lombardia.indymedia.org/node/17189

http://www.ossimoro.it/cefalonia.htm

http://www.giovannifasanella.com/2009/03/imputato-per-strage-a-cefalonia/

 

 

 

 

 

l

 

 

 

 

 

home page


 

Open Area Pugliantagonista informa

mail provvisoria

pugliantagonista@libero.it


 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it
 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it