Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo
 

ritorna a HOME PAGE

 
categorie/index

pagine dell'annuario dell'archivio 1918-1945 

il 1942/1

link

1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
2001>>
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Benedetto Petrone

 

 
 
 
Puglia rossa
Irpinia ribelle
Iniziative
 
 
Genova 2001
Ylenia
 

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

 19 novembre 1942,

l'operazione Urano, l'offensiva sovietica sul Volga , la sconfitta tedesca  a Stalingrado e la tragedia dell'ARMIR, con la  ritirata dei soldati italiani dal DON

 

70 anni fa : Stalingrado e la tragedia dell’ARMIR in Russia

 

19 novembre 1942

In quei giorni di novembre  le notizie che arrivavano nei quartier generali nazifascisti  erano sconfortanti; da poco c’era stata la sconfitta ad  EL Alamein e le forze dell’Asse in Nord africa si stavano ritirando  verso la Tunisia,strette tra l’avanzata inglese da est e dallo sbarco degli americani in Marocco  ed Algeria, ad ovest.

Nonostante ciò  Hitler con i suoi folli sogni di conquista, pensava ancora di riuscire a piegare la Russia sovietica e di legittimarsi al mondo come il vincitore sul bolscevismo e raggiungere un accordo con gli angloamericani sulla spartizione del mondo.

Mussolini si era accodato al dittatore tedesco in questa folle campagna  politico-militare ed aveva inviato  sul fronte russo, a più riprese, nonostante le rimostranze dei suoi generali, oltre 200.000 uomini, scarsamente equipaggiati per una guerra moderna, ed inquadrati nell’ARMIR , l’Armata italiana in Russia.

Di questi uomini, dopo la disastrosa ritirata dal DON nell’inverno 1942-1943, quasi 100,000 finirono  morti, prigionieri , dispersi o  feriti e congelati, subendo terribili amputazioni e alla fine della  guerra solo 10.000 ritornarono dai campi di prigionia

Di questa tragedia , di cui tutte le responsabilità cadono sui due dittatori è bene ricordare che fu strettamente legata alla vicenda-simbolo della sconfitta finale delle armate naziste: Stalingrado

Stalingrado agosto 1942-gennaio 1943

La città intitolata a Stalin in quella fine del 1942 divenne un simbolo della Resistenza e della vittoria dei popoli in lotta contro il nazifascismo ( e non solo del popolo russo)   e per Hitler invece , la città , i suoi abitanti, i suoi difensori un’unica bestia da cancellare dalla faccia della terra, a cui dopo la resa della 6 armata tedesca , il feldmaresciallo F. Paulus e i suoi superstiti soldati, si aggiunsero nella lista nera di Hitler, rei di non aver resistito sino all’ultimo uomo, obbedendo ai folli ordini del dittatore con i baffetti

 Ma come si era giunti in quella situazione che portò poi al crollo del fronte Sud tedesco che sino all’estate del 1942 era stato il più dinamico, mietendo vittorie su vittorie ed avanzando per centinaia di chilometri nel territorio sovietico?

 Tutti gli storici e gli stessi generali tedeschi nei loro memoriali, a partire dal feldmaresciallo Paulus,  colui che firmò la resa della 6 armata tedesca a Stalingrado ed in seguito divenne un accusatore del regime nazista, attestano che il principale artefice di quella sconfitta  fu proprio Hitler che, dopo la mancata presa di Mosca nell’inverno del 1941,  si era assunto il titolo di comandante e stratega supremo della campagna di Russia.

Questa situazione, di fatto,  portò il Quartier generale della Wermacht a non avere nessuna autonomia decisionale quando si trattava per esempio di decidere se attuare ritirate tattiche, cambiamenti di obbiettivo, ecc.

 Nel caso di Stalingrado l’errore  sul quale concordano tutti,  fu la duplice  forbice della cosiddetta operazione Azzurra  che nella terza e quarta fase  portò alla divisione del nucleo delle forze corazzate tedesche nel Sud della Russia , per rincorrere contemporaneamente due obbiettivi: la conquista del Caucaso e  i campi petroliferi e  la presa di Stalingrado.

 Un compito letteralmente impossibile per forze , quelle tedesche, ormai stremate da oltre un anno di combattimenti  e avanzate  per migliaia di chilometri e con  una linea logistica allungata terribilmente e quindi incapace di rifornire adeguatamente  le truppe  di prima linea.

Ma per Hitler questo non importava, l’ordine era sempre lo stesso avanzare e distruggere qualunque cosa ricordasse  il bolscevismo, e ciò che il governo sovietico ed il popolo russo avevano costruito dalla rivoluzione di Ottobre 17.

Stalingrado, le sue fabbriche di trattori che avevano rivoluzionato l’economia agricola russa, le grandi officine meccaniche e le installazioni portuali sul Volga, il suo snodo ferroviario, ma innanzitutto la più grande città industriale che si frapponeva alla meta stabilita nel piano Barbarossa . gli Urali, il confine geografico dell’Europa da assoggettare sotto il tallone nazista, dalla Manica agli Urali, dalla Sicilia , alla Norvegia

 Ma dinanzi a  Stalingrado la guerra lampo si trasformò in guerra di posizione  e ogni casa, ogni muro , ogni cantina  divennero per i soldati russi , provenienti da tutte le regioni dell’Unione sovietica , il simbolo della terra e della casa natìe, da difendere con la vita, luogo dove attestarsi per resistere e il Volga , la principale arteira  fluviale della russia divenne il limite invalicabile  per le forze corazzate  tedesche .

A Stalingrado la guerra tecnologica ritornò ad essere quella di uomo contro uomo , tra colui che affermava il diritto di essere di una razza superiore e di chi invece difendeva la propria terra e i propri cari.

19 novembre  1942:  i rapporti della ricognizione aerea tedesca da giorni  parlavano di forti contingenti russi con centinaia  di carri armati   T34 che si  muovevano velocemente  dietro le prime linee russe, segno evidente di una prossima offensiva invernale, ma nonostante ciò e nonostante che i generali tedeschi chiedessero di arretrare la linea  di difesa dal Volga al Don ed abbandonare gli attacchi su Stalingrado, Hitler rimase  irremovibile  ed intimò a Paulus di non muoversi da Stalingrado,  garantendogli nuovi rinforzi

Invece i Russi che ben sapevano dov’era il punto debole del fronte tedesco lanciarono l’offensiva guadando su passerelle di legno e zattere il Volga gelato,  aprendo un varco tra la terza armata  romena  e i tedeschi asserragliati su un ansa del Volga, ben presto i russi dilagarono  alle spalle di Paulus e lo accerchiarono.

Hitler negando a Paulus e ai suoi uomini la possibilità di sganciarsi, ritirandosi, li condannò alla morte certa  o ad una prigionia più dura della morte: dei 90.000 tedeschi prigionieri a Stalingrado ne tornarono in patria solo 5.000

La rotta dell’ARMIR

 Delle truppe promesse a Paulus , il dittatore tedesco fece spostare tre divisioni tedesche che erano sul fronte del Don di supporto a quelle italiane, ciò determinò l’indebolimento anche di questa parte di  fronte che fu causa causa poi della disastrosa battaglia sul Don e la successiva ritirata dei soldati e degli alpini italiani

Per centinaia di chilometri, a piedi , nel gelo a, 40 gradi sotto zero, con i russi alle calcagna, i feriti portati a spalla e poi abbandonati man mano al loro destino mentre i tedeschi in fuga sui camion che respingevano a colpo di baionetta  gli italiani che cercavano di far salire sugli autocarri i feriti più gravi.

 

Quella tragedia colpì nel cuore tutti gli italiani e fu determinante per il “divorzio” tra gli italiani e Mussolini, così come Stalingrado fu  determinante per creare all’interno di alcuni alti ufficiali tedeschi la coscienza che la Germania si doveva liberare di Hitler.

Purtroppo il tentativo di assassinarlo, l’anno successivo, nel 1944, fallì e a pagare con la vita furono i generali congiurati e le loro famiglie che furono sterminate.

Nella pagina che come Archivio storico Benedetto Petrone  abbiamo dedicato a quella vicenda  abbiamo inserito diversi allegati , come ad esempio  le cartine che troverete nel volume  Stalingrado , tratto dalle memorie di Friederich Paulus, edito per Garzanti, in diverse edizioni.

La prima  è quella relativa alla ambiziosa, e folle , operazione Azzurra che determinò l’allungamento del fronte  Sud e l’indebolimento  della stessa avanzata tedesca e che diede  la possibilità per i Russi di trincerarsi sul Volga, a Stalingrado, far affluire nella fase autunnale rinforzi e poi, arrivato il freddo ed il cattivo tempo che misero a terra l’aviazione tedesca, poter lanciare l’attacco con le divisioni siberiane.

La seconda cartina mostra l’offensiva russa del 19-24 novembre 1942 che portò  al crollo del fronte rumeno, al mancato ripiegamento di Paulus e l’accerchiamento dei tedeschi nella sacca di Stalingrado.

Dal volume ”-1942-1943  La tragedia ddell’ARMIR nella campagna di Russia” redatto da Remigio Zizzo, per l’ Italia Editrice,  riportiamo le cartine relative agli schieramenti e le battaglie difensive sul Don e  il computo delle perdite dell’ARMIR

Infine parlando di propaganda di guerra , pubblichiamo la copertina della rivista dell’Alfa Romeo del trimestre ott-novembre-dicembre 1942.

E’ una copertina  disegnata dal grande Walter Molino,  che prepara psicologicamente gli italiani alle brutte notizie che filtreranno ben presto dal fronte russo.

Nella copertina  c’è un gruppo di soldati italiani che  cercano di scaldarsi al fuoco di un tronco d’albero e con una canzone accompagnata da una fisarmonica. Lontano alle loro spalle c’è un camion Alfa Romeo, tanto simile a quelli che per mancanza di carburante furono abbandonati nella ritirata di Russia dai nostri soldati…

Invece dalle pagine interne della stessa rivista dell’AFA Romeo in un fumetto con stile da retorica fascista ,c’è un bambino che scrive al suo babbo lontano, reduce di tre fronti, quelli in cui  Mussolini ha inviato a morire centinaia di migliaia di nostri padri e nonni…nel fumetto campeggia ancora  quel motto “-Vincere”- che ben presto divenne solo un’amara barzelletta…

Infine  il messaggio che Mussolini inviò superstiti di quella terribile sconfitta sul Don, pieno di retorica e di cinismo, affermando che il loro era stato un sacrifico offerto sull’altare della lotta al bolscevismo e non invece ai folli sogni di due dittatori , in delirio di onnipotenza e della complicità dei mercanti di cannoni e dei padroni delle industrie belliche nazionali.

 

Archivio storico Benedetto Petrone

19 novembre 1942- 19 novembre 2012, per non dimenticare.

......................................................................................................................

Alcune pagine significative tratte dal libro-memoriale del feldmaresciallo Paulus:

 

 pag 76 …, a metà maggio del 1942, il generale russo Timoscenko per ritardare i piani dell’offensiva estiva  tedesca verso il Caucaso e Stalingrado lanciò  tutto quello che aveva a disposizione  intorno a Charcov. La sua operazione riuscì a costo di gravissime perdite solo a ritardare i preparativi tedeschi ma non annullarli ( ma a posteriori possiamo dire che così facendo, rinviò l’avanzata tedesca  che giunse ormai stremata  a Stalingrado alle soglie della stagione autunnale , con l’incubo dell’arrivo del grande freddo) …Paulus che aveva un figlio carrista rimasto leggermente ferito gli fece capire che era stato impressionato dal gran numero di carri armati russi che erano stati messi fuori combattimento  ma si chiedeva, quanti altri , l’industria sovietica sarebbe riuscita a sfornarne e gettare in altre battaglie?…

 

pag 79.. . il 3 luglio 1942 la 6 armata tedesca e  la 2 armata ungherese annientarono altre divisioni russe a Stary Oskol , facendo 40.000 prigionieri…sembrava che il nemico avesse riserve inesauribili….

 

 Pag 80…. Il 23 luglio Hitler emanò la disposizione n 45: il nemico è a terra! Ora si va a conquistare il Caucaso e Stalingrado e poi si arriva agli Urali!…ed ordinò  lo sdoppiamento dell’Armata tedesca del Sud

All’inizio le cose andarono bene : a Kalac vi fu una battaglia in cui furono annientate altre divisioni corazzate russe…ora non c’era più nulla verso Stalingrado

 A metà agosto prima dell’assalto a Stalingrado , Paulus fece rapporto al generale Blumentritt sulla situazione degli italiani dell’8 a Armata inquadrata nell’ARMIR e posti sul fianco al Nord del Don: …non equipaggiati adeguatamente per sostenere battaglie sulle grandi distese russe…

Il 19 e il 20 agosto 1942 il nemico attaccò gli italiani presso Serafimovic attraversando il Don e puntando verso sud. La divisione Sforzesca cedette e solo il gruppo di cavalleria Barbò, formato dai gloriosi reggimenti di cavalleria Savoia e Novara si sacrificarono con una carica di altri tempi per richiudere la breccia e solo così la divisone Sforzesca riuscì a richiudere la breccia . Tre mesi dopo a novembre non si potè ripetere lo stesso miracolo, nella neve e nel gelo…

 

Pag 84…. giunti a Stalingrado la lotta fu casa per casa e nelle logoranti battaglie ne uscirono vittoriosi non i tedeschi ma i reparti russi della 62 e 64 armata….i combattimenti nella periferia sembravano fatti ad arte per tenere ancorate le migliori forze tedesche proprio lì in attesa della stagione invernale e che le industrie oltre gli Urali e gli aiuti angloamericani riuscissero a colmare le imponenti perdite di uomini e mezzi avute sino a quel momento dai russi…

 

Pag 91 …poi vennero il 19 e il 20 novembre  1942 con lo sfondamento della fronte della 3 e 4 armata romena , la 4 armata corazzata spezzata in due e la minaccia di accerchiamento c’era  il rischio di trovarsi chiusi in una sacca 260.000 uomini

Poi l’ordine di Hitler di non retrocedere e la folle idea che la Luftwaffe avrebbe potuto rifornire per mesi questa enorme quantità di uomini.  Alla fine furono mangiati migliaia di cavalli  ( il cavallo immortalato nella foto di copertina del libro è il simbolo della tragedia di Stalingrado) e con essi scomparve l’idea di poterli utilizzare nel caso  che aduna controffensiva tedesca dall’esterno   per rompere il cerchio sarebbe seguita ad una evacuazione degli uomini chiusi in Stalingrado…

Poi venne  gennaio del ‘43  e la resa

Colloquio di Hitler nel suo quartier generale  furente per la notizia della resa di Paulus:

…”-Si tratta di una resa vera e propria , invece avrebbero dovuto richiudersi a riccio ed utilizzare l’ultima cartuccia contro se stessi…”- il dittatore preconizzava quale sarebbe stata la sua fine …

.............................................................................................................

 

alcuni link particolari

sulla figura di Paulus http://it.wikipedia.org/wiki/Friedrich_Paulus

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=VJphoR5WH9U

 

http://www.youtube.com/watch?v=l-poDCJ8bJM

http://www.youtube.com/watch?v=odNT5dBkS0E stalin tank

 

 

HOME PAGE


OPEN AREAL'informazione

 di

 

 

Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

 

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it