Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo
 

ritorna a HOME PAGE

 
categorie/index

pagine dell'annuario dell'archivio 1918-1945 

il 1941/5

link

1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
2001>>
 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Benedetto Petrone

 

 
 
Puglia rossa
Irpinia ribelle
Iniziative
 
 
Genova 2001
Ylenia
 

 

 LA BATTAGLIA DI NATALE 1941

La lezione della STORIA ai Nazifascismi 

NATALE 1941, fronte Russo, l’inizio della fine di Hitler e Mussolini.

Provare ad immaginare di cambiare  la Storia con i “se…” è stato un esercizio nel quale molti ci hanno provato e continueranno a farlo. Lo fecero Hitler e Mussolini oltre 70 anni fa aggredendo l’Unione Sovietica, credendo di dare una lezione al più grande stratega europeo sino allora conosciuto:Napoleone Bonaparte, ipotizzando che se avesse avuto carri armati ed aviazione non avrebbe fatto la fine che conosciamo. Purtroppo non credettero al coraggio del popolo russo e dell’alleato Generale Inverno che in quel dicembre 1941 si manifestò con temperature di oltre 40 gradi sottozero.

(una caricatura del pittore sovietico Efimof)

A sentire le previsioni meteo di questi giorni con i moscoviti che fanno il bagno nei fiumi e corrono allegramente per i parchi di Mosca, farebbe venire da dire che “se i nazifascisti  avessero avuto a disposizione queste condizioni, la Storia avrebbe potuto-purtroppo- cambiare corso” Fortunatamente sappiamo che invece la neve e il gelo resero impossibile la vita anche alla lubrificata macchina da guerra nazista, mentre  peggio si trovarono i  60.000 soldati italiani del CSIR (Corpo di spedizione Italinao in Russia) , nonostante  gli sforzi del  generale Messe che li comandava  di dotarli di autocarri e indumenti invernali consoni acquistati in tutta fretta in Romania ed Ungheria . 

Alla fine di quell’inverno durissimo del 1941, si contarono tra essi  oltre tremila congelati con relative amputazioni di arti ed una percentuale di congelati del doppio in confronto ai tedeschi che  erano schierati lungo un fronte che raggiungeva il Baltico. Con il carburante  che congelava nei serbatoi,  e la neve che bloccava le ruote, gli stessi muli non ce la facevano ad avanzare . Così, quando  la mattina del Natale del 1941, contro le divisioni italiane schierate sul fronte Sud, si lanciarono migliaia di cosacchi a cavallo , appoggiati da artiglieria e carri armati, tutte le fandonie della propaganda fascista che parlavano loro della  imminente file del bolscevismo, andarono in frantumi, tramutandosi in una battaglia all’ultimo sangue e tantissimi morti sotto la neve.

Chi riuscì a sopravvivere a quella battaglia non se lo dimenticò mai e i numeri parlano chiaro. Quando la sera di Natale la battaglia andava a concludersi e giungevano a rinforzo i carri armati  e le truppe di rincalzo tedesche che avrebbero permesso una piccola controffensiva sino al 28 dicembre , si potè  capire quanto era costata quell’offensiva sovietica di poche ore: 168 morti, 715 feriti, 207 dispersi, 305 congelati  da parte italiana , mentre da parte russa giacevano sul terreno duemila soldati  e oltre a 1500 prigionieri.

Nella neve i morti dell’una e dell'altra parte erano praticamente indistinguibili, sottolineando ancora una volta come quella fosse una folle strage  di proletari, la maggior parte figli di contadini, scatenata da un criminale disegno di conquista e di sopraffazione razzista  ideato dal regime nazista ed appoggiato dal fascismo italiano.Poco valsero le decine di Medaglie al Valore distribuite dopo quella battaglia. Poco più di un anno dopo i superstiti dell’Armata italiana sconfitti sul DON furono fatti rientrare di nascosto in Italia, senza medaglie, come se quella ritirata fosse colpa loro.

A molte migliaia di chilometri più a nord, la battaglia di Mosca era irrimediabilmente perduta e i tedeschi che nel giorno dell’anniversario della Rivoluzione Russa erano nei sobborghi di Mosca, a dicembre erano costretti ad arretrare sotto il rullo compressore del Maresciallo Zukov, che si sarebbe fermato solo a causa del grande Gelo.

Il 30 dicembre 1941 i carri armati  e la fanteria russa riconquistano Kozielsk e ai margini delle strade giacciono i cadaveri dei soldati tedeschi. Emblematica è una foto scattata quel giorno di un cadavere di un fante tedesco schiacciato come una sardina sotto i cingoli di un carro “Stalin”.

Arrendersi o perire! 

E’ il monito  con il quale è diffusa quella foto dall’Armata Rossa! La strada per Berlino sarà lastricata di decine di milioni di morti.

Arrendersi o perire!

Sarà scritto sul proclama  del CLN Alta Italia  a nome di tutta la Resistenza , il 25 aprile del 1945, chiamando all’insurrezione, 70 anni fa.

Oggi come ieri sappia chi crede di attentare alla libertà e alal dignità umana in nome di  ideologie e credi razzisti, nazisti e fascisti , che si troverà dinanzi allo stesso monito.

Archivio Storico Benedetto Petrone

pubblicato anche su 

http://pugliantagonista.blogspot.it/

e Bellaciao.it

 

 

Foto pubblicate  da :Sette Anni di Guerra e provenienti da cinegiornali d'epoca

 

 

 

 

 

 

   

HOME PAGE


OPEN AREAL'informazione

 di

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

 

Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

 

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it