Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/elenco

RICORDI:i nostri compagni

link

 
SEZIONE 1: Brindisi
1)Salvatore de  Carolis
2)Pietro Alò
3
) Gino Carrino
 
SEZIONE 2:Ostuni
 
SEZIONE 3: Lecce
1)Angelo Bagordo
 
SEZIONE 4: BARI
1) Benetto Petrone" Benny"

2)Dino Frisullo

3)Michele Romito

 
SEZIONE 5: Taranto
 1)Moustakì

 
 

ITALIA:

1)Maurizio Arcano

2)Francone Coppini

3)Marco Melotti

4)"Pelle " Massimo Avvisati

5)Luciano Schielmann

 

 
 

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

PINO VIESTI


    
      Pino Viesti è morto.
Sono sicuro che non pochi lo conoscevano e/o  ricorderanno...Pino "Yamaha" è andato via all'inizio di anno di una nuova decada.
Pino è stato parte di una generazione di rivoluzionari e comunisti baresi. Militante di Lotta Continua,antifascista determinato e coerente,fu uno dei compagni che protagonizzò il movimento del '77 barese. Poi,in seguito alla rottura dell"area di Lotta Continua" da parte dei settori operai e degli ex servizi d'ordine di diverse città del centro-nord che diede vita alla nascita di "Lotta Continua per il Comunismo",fu uno dei compagni che rese possibile l'avvio della nuova organizzazione e l'apertura della prima sede di fronte alla Cattedrale a Barivecchia nel '79. Il suo essere sempre in prima fila in ogni lotta in quegli anni portò la repressione e criminalizzazione dello Stato a arrestarlo in diverse occasioni e nell'80 fu sanzionato dalla Questura Barese con il famigerato art. 1 del codice Rocco, avanzando allo stesso tempo alla magistratura una richiesta di confino(che per fortuna non fu approvato..).Pino fu un infaticabile compagno in quei difficilissimi anni '80 di repressione selvaggia, di vendetta dello stato, di riflusso, della "italia da bere" e di Bari come la città più craxiana del Paese e la Puglia come avanposto NATO e nucleare..mille ricordi.. e qualcun@ che mi legge sono sicuro che lo  ricorderà con la sua splendida yamaha nera&arancio e gli immancabili rayban a specchio..con la sua lucidezza d'analisi,la "follia" della  sua irruenza e-spesso-"ruvidezza" nei rapporti con provocatori, sbirri, fasci e spacciatori...
Con il passaggio agli anni '90 Pino lasciò la militanza attiva, continuando però ad avere relazioni personali,sociali e politiche con i compagni e le compagne baresi.Diventato poi lavoratore come tecnico-amministrativo al Palazzo Ateneo fu vicino nella stagione delle lotte del Movimento studentesco, delle Fucine Meridionali, dei sindacati di base.
Pino, come purtroppo altri compagni e compagne protagonisti della nostra narrazione collettiva e ribelle, se ne andato..lasciando chi lo ha conosciuto, stimato,amato, un poco più solo..
Ciao Pino,ancora un ultimo,fortissimo, abbraccio.

Nicola Latorre

2 GENNAIO 2010


Per pino Viesti dalla rete antirazzista di Bari


http://reteantirazzista.wordpress.com/2010/01/08/per-pino-viesti/

Qualche giorno fa è morto Pino Viesti.
Per tanti un amico, un compagno, uno che incontravi per strada.
Molti di noi invece non lo hanno mai conosciuto.
Gli amici ed i compagni di Pino, a suo nome ed in suo ricordo hanno deciso di donare un’importante somma di denaro al Ferrhotel occupato. Per tutti noi é un gesto importante simbolicamente e praticamente. Ricordiamo che gli occupanti del Ferrhotel da diversi mesi sono senza luce e che nessuna istituzione o rappresentanza politica ha deciso di farsene carico.
La luce, come l’acqua ottenuta dopo molto tempo, sono beni primari. Questi soldi raccolti e donati ci permetteranno di proseguire per la conquista della luce e di altri beni essenziali.
Tutti coloro che hanno conosciuto Pino, che hanno attraversato con lui un pezzo di esistenza e tante lotte in questa città, sanno quanto importante fosse per lui il riconoscimento del diritto per tutti/e a vivere dignitosamente. Ed è per questo che – sentendoci tutti un po’ più soli senza di lui – ringraziamo i compagni, gli amici ed i familiari per averlo voluto ricordare in questo modo, legando il suo nome a quello di questa lotta.
Ciao Pino, ti salutiamo con un ultimo abbraccio.

 

home page

 

Open Area Pugliantagonista informa

mail provvisoria

pugliantagonista@libero.it

 
 

 
Osservatorio sui Balcani di Brindisi
osservatoriobrindisi@libero.it
 
 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it