Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/elenco

BRINDISI:poesie per una città senza memoria/2

link

 

INDICE GENERALE gli uomini

 

poesia:

1) DUE MONDI

2) LA GRANATINA

elenco aggiornato su poesia

 

AVVERTENZA LE POESIE QUI RIPRODOTTE SONO DI ESCLUSIVA PROPRIETA' DEL SIGNOR MARIO GALASSO  E QUALUNQUE USO NON AUTORIZZATO DALL'AUTORE RAPPRESENTA VIOLAZIONE DI PROPRIETA' INTELLETTUALE E PERSEGUIBILE PER LEGGE.

IL SIGNOR GALASSO HA CONCESSO ALL'ARCHIVIO STORICO B PETRONE,  A TITOLO  GRATUITO, DI PUBBLICARE IN QUESTE PAGINE LE SUE POESIE PUR RIMANENDONE UNICO PROPRIETARIO E CONSERVANDONE TUTTI I DIRITTI

               1 MARZO 2010 GIORNATA DEL MIGRANTE

Cogliamo quest'occasione per pubblicare questa bella poesia di un nostro concittadino, Mario Galasso, che pur vivendo molto lontano dalla sua Brindisi, ad Alghero, ne conserva con estrema lucidità e affetto il ricordo delle cose semplici, dei legami, delle persone che popolavano una città prima che fosse colta da una ventata di follia collettiva consumistica. Una città che sino alla fine degli anni 50 non aveva supermarket, non conosceva la plastica, dove non c'erano frigo perchè semplicemente non ce n'era bisogno. Forse si mangiava meno carne, più verdure e i brindisini erano magri come gli albanesi del 91. In compenso la domenica si mangiavano pranzi da re,  con ricci, cozze, spuenzuli, cozze penne, datteri e cannolicchi, cozze pelose e piede di capra, tutta roba che potevi raccogliere all'interno del porto, come ci racconta sempre il signor Galasso in un'altra sua poesia che pubblicheremo presto.Una città di famiglie di "cunigghi", di poveri, ma sorridenti,..... Se oggi avessimo chiesto di cosa sente la mancanza ogni migrante  che è sfilato per le nostre piazze, ci risponderebbe con le stesse parole: il ricordo dei legami familiari, sociali, della terra natìa , dei sapori dei cibi più semplici ma sicuramente cucinati da mani amorevoli , con spezie ed erbe della propria terra, di cui , anche a distanza di decenni , non ci si può dimenticare.

Grazie Mario per il bel regalo che ci hai fatto con le tue poesie...

La redazione dell'Archivio Storico Benedetto Petrone  


                       

    La granatina

L’estati cu lu cautu e senza protezioni no ssi putìa tinìri ghiacciatu nu muloni,

Ci lu vulivi friscu e buenu pi mangiari dopu la menzatìa ti l’eri a scè pigghiari.

Mammeta ti dicìa viti cu ti ‘ndi vai, li suerdi t’aggiu datu, no ndi spindìri assai.

Ti faccia alla parrocchia vicinu a casa mia ‘nc’era na purticiedda apierta ‘ntra la via.

‘Nci stava nu cristianu ca tretu a nu banconi quando trasivi all’ombra ti tava lu muloni,

lu sarginiscu russu; an manu si sintìa ca era tuttu gelatu, lu friscu ti piacìa

ca fora era sulagna, lu cautu ti l’estati, mancu nu cani an giru, li chianchi ‘rruventati.

 

Ma prima ti paiari quiddu ca si paiava li dumandavi sempri quiddu ca iddu spittava:

“Quantu é na granatina o bianca o tricolori?” “Bianca veni 3 lire, e cincu a tre culori”.

Bianca, sulu lu ghiacciu, senza la bottiglietta ca ‘nci facìa catìri la goccia benedetta;

la menta e lu lamponi sobbr’alla granatina ti la facìunu bedda comm’a na bandierina.

A mienzu cu l’orzata, lu biancu era lu ghiacciu, lu verde ti na vandi, lu russu era n’assaggiu.

 

Tantati li cazuni pi controllari an pata ci li tinivi tutte pi farti sta granata

li cincu liri assìunu, e ddu cristianu azava lu saccu ca vagnatu sobbra allu ghiacciu stava.

Lu ghiacciu era na sbarra longa cchiu ti nu metru, quiddu ti la rascava ti ‘nnanzi e poi ti tretu.

Rascava cu li mani russi comu lu fuecu ca scìunu annanzi e arretu ma senza mai di sbiecu.

 

Quandu la grattachecca cchiù non ce la facìa, nu cuerpu ti la manu e la granatina assìa;

di sotta allu banconi assìa la bottiglietta, na goccia ‘ndi catìa, la mira era perfetta:

sobbr’a nu latu verdi, lu russu all’atra vanda, l’orzata stava a mienzu; lu saccu pi mutanda,

lu ghiacciu riturnava inzieme alli muluni a difriscari totta la stanza e li vagnuni

vinuti pi pigghiari muluni e granatina, 3 lire quedda bianca, e cincu la cchiù fina.

E lu ritornu a casa sott’allu solleoni ti lu facivi chianu ‘nducendu lu muloni;

 

Sucandu granatine estati dopu estati moi no lu faci cchiui, li cosi sò cangiati:

sì diventatu viecchiu, li tieni li turnisi, ma quiddu ca ti manca sò li muluni appisi

sott’alla balconata ti casa ti lu nanni, li pumbitori sicchi, li menduli e li panni

distesi ad asciucari ‘ppinduti ‘ntra la loggia, e la capasa chena ti fichi culla goccia.

 

Puru quiddu cristianu vicinu a casa mia nò rasca cchiù lu ghiacciu, finita è la fatìa,

è muertu avi tant’anni, ci sapi quandu è statu, però ce t’aggia diciri, e ci se l’è scurdatu?

Tre lire quedda bianca, cincu la tricolori, ma lu muloni quantu? Scurdatu lu valori,

no mi ricuerdu cchiui, solo la granatina, ti quandu m’aggiu azatu ti liettu stamatina:

Lu frescu ti la stanza, lu ghiacciu e lu muloni, la granatina fredda ti quando eru vagnoni.

Mario Galasso, Alghero 24-2-2010


 

home page


OPEN AREAL'informazione di di

 

 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it

 

fondazione Pietro Alo'

 
http://www.benedettopetrone.org/
 
http://www.lottacontinuaperilcomunismo.org/

 

GLOCAL EDITRICE:Diario di agostodi Antonio Camuso: Aspettando l'invasione di Praga con la radio accesa...

http://www.glocaleditrice.it/

ecord/dettagli.php?id_elemento=474

Lecce 15 luglio : presentazione libro Il giallo di ugento  di L de matteis