Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

INDICE GENERALE

BARI e i gruppi 

della sinistra rivoluzionaria 1968-1988

link

 
indice gruppi sinistra rivoluzionaria
UCI (m-l)
PC(m-l)I
Circolo Lenin di Puglia
MLS
PDUP Manifesto
Lotta Continua
Autonomia Operaia
PCdI (m-l)
OC(m-l)
Circolo del Proletariato Giovanile
LOTTA CONTINUA per il comunismo
DEMOCRAZIA PROLETARIA
 ALTRI
 

UNIONE DEI COMUNISTI ITALIANI

(MARXISTI-LENINISTI)

UCI (m-l)

poi 

PARTITO COMUNISTA (marxista-leninista) Italiano

PC(m-l)I

UCI (m-l)

SEDE DI BARI (1969/70)

VIA  Q.SELLA N.233

  SERVIRE IL POPOLO

IL GIORNALE

LA LEGA DELLA GIOVENTU' COMUNISTA (M-L)

 

DOCUMENTAZIONE        LIBRI

TESTIMONIANZE

GENNAIO  1974 

CONTRO IL GOVERNO RUMOR 

E LA SPECULAZIONE

 Bari 13 gennaio 1974: 40 anni fa , la rivolta del pane.

“-200 lavoratori effettuano un blocco stradale contro l’aumento del pane…respinta una provocazione poliziesca…lunedì 13 gennaio , il Comitato di azione contro il carovita ha dato vita in Corso Sicilia ad un blocco stradale per erespingere i tentativi dei panificatori di aumentare indiscriminatamente il prezzo del pane…già una settimana fa era stato respinto questo tentativo con un assalto ai forni, poi  sindaco, presidente della regione e prefetto avevano concesso la possibilità di aumentare di 50 lire al chilo…contro questa decisione nel quartiere Carrassi il Comitato contro il carovita ha chiamato i lavoratori alla lotta, nel blocco stradale che ha trovato la solidarietà di molta altra gente, il coinvolgimento è stato tale che sono arrivati i poliziotti che hanno cercato di manganellare per liberare il blocco ma sono stati respinti dalla determinazione dei giovani…grazie a queste agitazioni l’aumento ancora non è stato applicato…una piccola vittoria contro la scellerata politica del governo Rumor…”-

bari74_pane2.jpg (149516 byte)

Pagine ingiallite e consunte di un vecchio giornale  di agitazione politica di uno dei tanti gruppi della sinistra rivoluzionaria degli anni 60-70,  ci parlano  con un’attualità impressionante sui meccanismi della speculazione finanziaria e di come  essa nel nostro paese abbia portato guasti immensi all’intero sistema produttivo oltre che  a colpire le condizioni di vita delle classi meno abbienti.

Il giornale è  Servire il Popolo del 19 gennaio 1974, organo del Partito comunista (marxista-leninista)Italiano , già precedentemente UCI (m-l)  ed in linea con altri giornali dei partiti della sinistra rivoluzionaria , in quei giorni di gennaio del 1974, dedicava le prime pagine alla critica delle manovre del governo Rumor, allora in carica che stava fronteggiando una fortissima crisi economica innescata,  dalla crisi petrolifera originata a sua volta dalla serrata dei paesi arabi produttori di petrolio , nei confronti dei paesi occidentali rei di sostenere o comunque essere alleati di Israele e Stati uniti , nella guerra del Kippur (settembre 1973).

Il blocco parziale delle forniture petrolifere e lo scoprire quanto il mondo occidentale fosse vulnerabile a questo ricatto innesco una catena di eventi , inflattivi a loro volta sostenuti dalla grande speculazione finanziaria, che vide , nella incapacità dei governi di allora, a combatterla,  la possibilità di rialzare prezzi di prodotti, materie prime ecc, tali che anche i  prezzi di beni di prima necessità come il pane e che teoricamente non erano legati al ciclo del petrolio, avessero un’impennata, tra proteste di cittadini e serrata di negozianti e produttori.

Partendo da un’agitazione politica che un gruppo di militanti del PC(ml)I di Bari, sostenuti da semplici cittadini in un Comitato di lotta al Carovita, nelle pagine successive di questo vecchio giornale leggiamo come la speculazione potesse arricchirsi velocemente alle spalle dei cittadini.

-“ a Napoli il comitato interprovinciale prezzi alla minaccia di serratad ei panificatoi ha concesso l’aumento di 40 lire del pane comune  facendolo passare da 160 a 200 lire al chilo…liberalizzando il prezzo del pane con farina 00 , con aumento di 120 lire al chilo…la minaccia di serrate dei forni hanno coinvolto, Perugina , Bari, Pesaro, Genova ed ovunque sono seguite da aumenti di prezzo…la scusa è che la produzione di quest’anno è stata scarsa e si è dovuti ricorrere a grano estero con conseguenti aumenti, ma sappiamo che nei silos dell’AIMA e controllati da Bonomi, il grano c’è. A luglio i contadini presi per la gola hanno svenduto il grano a 7500 –8000 lire al quintale, lo stesso grano che oggi gli speculatori che lo hanno acquistato lo stanno vendendo a 16.000 lire al quintale ( con un guadagno del 100% in pochi mesi NdR)…”-

 

VEDI ANCHE IL VOLANTINO CONTRO GOVERNO RUMOR  e contro l'aumento del pane REDATTO NELLO STESSO PERIODO DAL PC(m-l)I a Brindisi


 

 

GENNAIO 1971 ASSALTI FASCISTI A BARI E IN PUGLIA ALLE SEDI DELL'UCI (M-L)


Repressione! 

12 dicembre 1969 a  distanza di poche ore dalla strage "di Stato"  di Milano, scatta in tutta Italia una grande operazione di polizia volta a  colpire i gruppi politici su pozioni più radicali. Tra questi è l'UCI (ml) che in quei giorni subirà di decine di perquisizioni, fermi,  arresti, sequestri di sedi ei e di  materiali di propaganda 

 BARI, 14 dicembre 1969, una ventina di poliziotti perquisiscono la sede dell'UCI (ml), i compagni presenti,la casa di un compagno e sequestrano  i lampadari con le relative catenelle che li sorreggono sul soffitto ( armi improprie). Sequestrata un'auto di un compagno utilizzata per trasportare le squadre di propaganda dinanzi alle fabbriche


 

UCI (M-L)

in Italia

 

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte