Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo
 

ritorna a HOME PAGE

 
categorie/index

Irpinia ribelle: gli uomini e le donne.      

Nicola Chiusano

link

IRPINIA
le storie
gli uomini e le donne
i luoghi
le lotte di ieri
le lotte di oggi

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

 

categorie
1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
2001>>
 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle
Iniziative
Benedetto Petrone
 
Genova 2001
Ylenia

 Nicola Chiusano 

un marinaio montellese in fuga dai tedeschi....

Mentre si festeggiava in tutta Italia  il 68esimo della Liberazione dal nazifascismo, a Montella, si spegneva Nicola Chiusano, uomo mite, stimato e di cui la mia famiglia si onora  della amicizia.

Nicola  era conosciuto da tutti per la sua vitalità nell’organizzare iniziative di carattere civili e religiose, in qualità di organizzatore nella sezione reduci e combattenti di Montella e nelle attività inerenti il culto  del Santissimo Salvatore .

Di questa vitalità , in lui novantenne , incuriosito ne avevo chiesto la fonte e lui, in una intervista, concessami nell’agosto del 2012, me ne aveva dato una bellissima spiegazione, narrandomi la sua esperienza di marinaio italiano coinvolto, suo malgrado, nella tragedia dell’8 settembre e  di come fosse stato testimone d’eccezione di fatti emblematici del periodo tormentato che va dal 1943 al 1945 in cui l’Italia subì l’occupazione nazista.

Mi narrò così di come, imbarcato sulla torpediniera Ardito, fosse stato coinvolto in uno dei pochissimi episodi di resistenza vittoriosa ai nazisti da parte delle Forze Armate italiane: la battaglia navale nel porto di Bastia, in Corsica, dell’9 settembre 1943.

In quella battaglia i tedeschi cercarono, proditoriamente, di catturare o affondare tutte le navi  italiane nel porto Corso, ma ad avere la peggio furono proprio loro , per mani di uno degli eroi della Marina Italiana, esaltato dal regime fascista per le sue imprese sommergibilistiche, il comandante Carlo  Fecia di Cossato, ma che in quell’occasione diede l’esempio di come la nostra Italia, il nostro popolo poteva riavere la dignità perduta, schierandosi  e combattendo contro Hitler e Mussolini.

La nave di Nicola Chiusano in quella eroica battaglia , che vide l’affondamento e la cattura di tutte le navi tedesche , riportò gravi danni e gran parte dell’equipaggio fu ucciso dalle mitraglie tedesche e Nicola scampò alla morte per pura coincidenza.

Nei giorni successivi per non cadere in mano ai tedeschi, abbandonata la Corsica , l’Ardito con Nicola Chiusano a bordo  riuscì a ripartire verso il Sud liberato dagli Alleati, ma purtroppo , rallentata dalle avarie , rimase indietro e riparatasi a Portoferraio, fu catturata dai nazisti con tutto l’equipaggio.

In quell’occasione i tedeschi erano intenzionati a fucilare l’equipaggio per il solo fatto di aver essersi opposti con le armi alla cattura , poi decisero di deportarli in Germania ma ,

Nicola Chiusano, ricoverato in un  ospedale militare ligure, riuscì con uno stratagemma a fuggire,deciso di ritornare a tutti i costi a Montella. 

La sua fu una fuga densa di peripezie che lo portò alle spalle della linea Gustav, con i tedeschi arroccati a Montecassino.

Fu in una piccola frazione di Formia, a Trivio che trovò accoglienza presso una famiglia contadina e lì Nicola potè essere ancora testimone di un altro miracolo: quello della solidarietà popolare, fraterna ,  che vide coinvolte tantissime famiglie italiane, di povera gente, che affrontarono la morte  per rappresaglia , per mano nazista, solo per aver ospitato prigionieri in fuga, partigiani o semplici fuggitivi , come il nostro marinaio montellese.

In quella piccola frazione, per ben due volte Nicola riuscì a sfuggire ai tedeschi: 

la prima volta, rastrellato per caso e messo a lavorare forzosamente nelle fortificazioni, costruite dall’organizzazione della logistica nazista Todt, eluse la vigilanza e fuggì,

 la seconda volta riuscì a salvare la vita miracolosamente (…- il Santissimo Salvatore mi ha aiutato a farmi trovare no pertuso, sotto una roccia, dove mi infilai… “-) fuggendo sotto i proiettili delle SS tedesche comandate dal tenente Kramer , che in quell’occasione uccisero 7 civili innocenti, appartenenti a famiglie contadine della zona . 

Avrei voluto raccontare questa sua esperienza insieme a lui, in una augurabile iniziativa pubblica  presso il nostro Comune di Montella il prossimo 8 settembre , nel 70esimo anniversario, di quella tragica data che vide tanti montellesi coinvolti in vicende così tragiche , ma di cui non possiamo dimenticare.

Ciao marinaio Nicola Chiusano, non ti dimenticheremo

 

Antonio Camuso ( Archivio Storico Benedetto Petrone)

Brindisi 27 aprile 2013

articolo pubblicato su www.montella.eu

 

HOME PAGE

 


nuova open area Pugliantagonista speciale 10 anni ( luglio 2017 in poi)

vecchia OPEN AREAL'informazione di

 

 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it