Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

Openarea
pugliantagonista

ritorna a HOME PAGE

Osservatorio sui Balcani di Brindisi
categorie/
ANNUARIO

l'annuario dell'archivio 1947/12

link 

1947

 


 

Gennaio 1947, la Taranto di 75 anni fa, affamata ma solidale e antifascista

Per i poveri 200 quintali di carne congelata, baccalà e zucchero.

Gli operai Fiom raccolgono 3000 lire per la famiglia del sindacalista Miraglia ucciso dalla mafia in Sicilia

Il comune dona all’ANPI per i caduti partigiani tarantini, spazi cimiteriali.

di Antonio Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone.

Questi titoli  ritrovati nelle pagine del giornale l’Avanti! , del gennaio 1947, in fase di digitalizzazione del fondo Irpinia, dell’Archivio Storico Benedetto Petrone, che hano colpito il sottoscritto per la loro rilevanza simbolica.

 75 anni fa, la città di Taranto , e la sua popolazione più povera, quella della Città vecchia, era ridotta alla fame, eppure  dignitosamente dava lezioni di umana solidarietà e convinto antifascismo.

Il 18 gennaio 1947, in un’assemblea gli operai metalmeccanici tarantini iscritti alla FIOM raccoglievano 3000 lire da donare alla famiglia del compagno Miraglia ucciso in Sicilia dalla mafia. Il sindaco di Taranto e la sua giunta giorno 23 gennaio, deliberavano l’assegnazione di spazi gratuiti nel cimitero di Taranto per accogliere i partigiani tarantini caduti nella lotta di Liberazione e decretavano la riassunzione degli impiegati che durante il fascismo furono discriminati e licenziati.

Ma c’era innazitutto da sfamare la popolazione  e grazie alle pressioni sul commissario all’alimentazione si ottenero duecento quintali di carne congelata, baccalà , ma innanzitutto  la speranza di latte condensato per i bambini del proletariato tarantino.

Cose che ci fanno riflettere  e confrontarci con l’attuale realtà dai molti chiaroscuri e contraddizioni…

 

L’AVANTI! 23 gennaio 1947

(Archivio Storico Benedetto Petrone, fondo Irpinia)

 

Assegnazione generi alimentari alla

 popolazione di Taranto

TARANTO. 22 — L'alto commissario all'alimentazione, al quale il sindaco ed altri rappresentanti di enti avevano fatto presenta la particolare situazione alimentare della nostra città, ha comunicato al Sindaco di aver disposto per Taranto una assegnazione di duecento quintali di carne congelata da destinarsi alle categorie speciali  e alla popolazione meno abbiente.

Questo oltre al quantitativo dibaccalà e di riso la cui distribuzione è in atto.Si attende intanto a giorni l'arrivo di un quantitativo di latte condensato.

L'alto commissario ha comunicato altresì di aver impartito ai competenti servizi istruzioni perchè venga esaminata attentamente la situazione alimentare di questa . L'alto commissario ha comunicato altresì di aver impartito ai competenti servizi istruzioni perchè venga esaminata attentamente la situazione alimentare di questa provincia ed ha assicurato che nulla sarà trascurato per alleviare le lamentate deficienze della città.

 

Riunione dei Consiglio comunale di Taranto

TARANTO, 22. — Si è riunita  ieri in seduta straordinaria il consiglio comunale, che fra l'altro ha deliberato l'adesione del comune di Taranto alla associazione nazionale dei comuni d'Italia; la concessione gratuita all'Associazione Partigiani
di una zona di suolo del cimitero per la inumazione delle salme dei partigiani; l'erogazione di lire centomila per il fondo di solidarietà cittadina…la riassunzione degli impiegati comunali discriminati dal fascismo…

 

L’AVANTI! , 19 gennaio 1947

(Archivio Storico Benedetto Petrone, fondo Irpinia)

 

TARANTO

Solidarietà dei metallurgici per la famiglia Miraglia

TARANTO. 18 — La F.I.O.M. ha rimesso ai famigliari del segretario della Camera del Lavoro di Sciacca, compagno Accursio Miraglia, la somma di lire tremila, in segno di solidarietà dei metallurgici tarantini, verso il compagno as-
sassinato dalla reazione agraria. L’offerta è stata accompagnata con un telegramma di cordoglio e di protesta per il barbaro eccidio.

 

 

Antonio Camuso

Brindisi 25 gennaio 2022,  78 anni dopo

archiviobpetrone at libero.it