Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/categorie

RESISTENZA AL NAZIFASCISMO /35

link

RESISTENZA
1)26 /7/43 sparare sui manifestanti
2)28 /7/43 Bari strage antifascisti
3)Giovanni Pesce il comandante partigiano
4)Arrigo Boldrini comandante Bulow
5) Gino Donè il partigiano che conobbe il CHE
6) Più forza all'ANPI e alla resistenza

per altri aggiornati clicca su RESISTENZA

 
 consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte
 
 
categorie
ANNUARIO
1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle

 

Iniziative

 

Benedetto Petrone
 
Genova 2001
 

 

Ylenia
 
 
 

 

Primu Maggiu 1944

L’ode dei contadini siciliani (e di tutto il  Meridione), in nome della voglia di riscatto e di giustizia

Poesia in dialetto di Giovanni Formisano

Il più bel programma politico( in versi)  di rivendicazioni del Meridione contadino all'Italia post-fascista.

Autor  Antonio Camuso

1maggio1890

Un primo maggio atteso dopo ventidue anni di forzato silenzio, dai contadini siciliani , stanchi di dover sottostare ad un rapporto "feudale" con i padroni terrieri, i baroni latifondisti.  E' un inno di speranza,  di voglia di riscatto e redenzione, senza incitamento alla violenza, anzi richiamandosi ai valori cristiani di fratellanza. Una bellissima poesia ritrovata in un reprint degli anni 70, della prima  edizione della rivista Rinascita del 1944. Una poesia popolare in siciliano "catanese" dell'indimenticabile poeta Giovanni Formisano, a cui la sua città, Catania,  ha dedicato in una piazza un monumento commemorativo.

 

formisano_catanioa

Una poesia  scritta in quel dialetto che accomuna  quel meridione della Grecìa bizantina che comprende la Sicilia, la  Calabria, e divide la  Puglia Salentina dalla Puglia centrosettentrionale, attraverso  il "Limitone dei Greci", comprendendo il Salento leccese e parte della provincia brindisina.  Un dialetto comune a quel Meridione contadino che, in quel maggio 1944, con la imminente fine della guerra al nazifascismo, sperava in una stagione di  riforme e di giustizia sociale: un'attesa splendidamente espressa dai versi di Formisano in questa poco conosciuta  sua poesia.

1 maggio45

Una poesia che ebbe vita travagliata , prima nell’Italia post elezioni del ’48 e della sconfitta delle sinistre  e poi, paradossalmente,  dallo stesso PCI nella stagione della sconfessione dello stalinismo, a causa dei suoi versi conclusivi dedicati a Giuseppe Stalin:

A Stalin, lu mitu, lu giganti,

fu 'Mpiraturi di tutti sti 'mprisi

porta li nostri cori palpitanti

e li vasuni di li Catanisi !

stalin 

Eppure , nonostante le critiche, le accuse, le rivelazioni sui gulag,  che travolsero la figura mitica del “baffone castigamattti” che era riuscito a sconfiggere la Germania nazista e la sua invincibile macchina da guerra, ebbene nonostante ciò Stalin rimase, in particolare per il mondo contadino per decenni la figura di riferimento con cui esorcizzare il terrore e la violenza di mafiosi, baroni,  la polizia di Scelba, neofascisti e fascisti trasformati in democristiani. Come,  quindi non accettare, sorridendo, questi ultimi versi ed apprezzarli all’interno di una poesia  che risulta essere forse il più bel manifesto politico per il riscatto del nostro Meridione contadino, che si potesse scrivere in quel particolare momento. Forse fu con questo intento che Palmiro Togliatti , appena giunto in Italia, nel primo numero della rivista Rinascita, di cui lui era direttore, volle che  ci fosse questa poesia di Formisano,appena messa in versi e forse la cui stesura sollecitata dallo stesso Togliatti.

Antonio Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone-

Brindisi  7 maggio 2019

rinascita44

Primu Maggiu

 

Doppu vintiduanni,
di duluri, di spasimi e di peni,
torni cchiù russu, cchiù beddu, cchiù granni
n'autra vota veni!
Quanto t'hamu aspittatu,
guardannu 'nfunnu, avemù l"occhi stanchi,
qualcunu é quasi vecchiu addivìntatu,
qualcunu cci havvi li capiddi janchi !
Trovi sti genti tutti stracanciati
di vint'anni di nervu e di mussili,
'na massa di 'nfilici e di malati
ca cci hannu avutu lu mali suttìli !
Ma  nuddu avìa pirdutu la spiranza,
lu distinu era scrittu,
e cchiù ni dividìa la luntananza,
cchiù na lu cori ti tineva fittu !
Basta la to vinuta
ca già avemu scurdatu tutti cosi,
ogni duluri in gioia si tramùta
li lacrimi sù pampini di rosi !
E semu tutti ccà, primu di Maggiu,
n ‘autra vota na dda stissa strata
pri ripigghiari lu nostru viaggiu
doppu vint'anni di na mascarata ,
O Maggiu luminusu,
trovi la cùntintizza a tutti banni,

ogni anzianu diventa un carusu
lu carusu diventa un omu granni !
Vili non cci nnè cchiù, ni trovi forti
a tuttu priparati,
ca na tant anni' vicinu a la morti
ni trovi a tutti già purificati !
E ccamminamu dannuni la manu,
quardannu a lu livanti,
lu nostru suli non é cchiù luntanu,
fa passi di giganti !
Lu nostru suli l'avemu vicinu,
tantu vicinu a nui,
spuntò, doppu vint'anni stamatinu,
e non tramunta cchiùi!

Nuddu ni  po frinari

ca tuttu strunca lu nostru caminu,

comu la china di li lavinari,

é chistu lu distinu !

Li Santi, lu Signuri,

dappressu non ni perdunu di vista

ca fòru comu a  nui scausi e nuri

li primi Comunisti !

Gesù quann’ happi tanticchia di pani

lu divisi na tanti muzzicuni

e frati li chiamò li cristiani,

pridicò paci na tutti li 'gnuni.

Non vulemu la robba di li genti,

latri non semu e non nn'havemu drittu,

vulemu travagghiari sulamenti

ma non vulemu stari a pani schittu!

Non vulemu, di 'nlatu

cù dormi tra la lana e tra lu linu

e cù dormi d'arreri un purticatu

spostu a l’ acqua a lu ventu e a lu risinu !

Non vulemu, di 'nlatu

cù non travagghia, mangia ed é ‘mbriacu

pricchì è riccu sfunnatu,

e cù travagghia mangia pani e spacu !

La terra é di lu riccu e si l’abbrazza,

però lu cuntadinu la nutrìca

e suddu ammatti ca 'ncrucia li vrazza

dda terra produrrìa sultantu ardìca !

Lu vinu, lu frummentu,

l'ogghiu, l'aranci e li limuni ancora,

sunnu suduri di lu nostru stentu

e nui vidému li scroci di fora!

Vulemu la ricchizza scumpartùta

e no cu troppu assai e ccu troppu nenti,

di un latu la miseria trista e muta,

di l'autru latu tanti gudimenti!

Primu di Maggiu beddu e gluriusu

tu veni a lividdari tutti cosi

e ni levi st’ abusa,

levi li spini e ni lassi li rosi!

Havi vint’ anni c'aspittamu a tia,

vint’anni na lu scuru

e tu oggi ni porti la chiarìa

ccu lu to passu libiru e sicuru !

Primu di Maggiu, veni di luntanu,

di li Cumpagni Russi, tutti eroi,

ca ccu li denti ccu l'ugna e li manu

stannu a difisa di li terri soi!

La storia di lu munnu

la sta scrivennu stu populu granni

ca non si stanca e arriva ‘ nsinu a 'nfunnu

pri libirari a nui dì li tiranni !

Primu di Maggiu non l'a'bbannunari

tutti sti genti di tantu valuri,

porticci li jurnati sempri chiari.

porticci ad iddi tutti li tò ciuri!

A Stalin, lu mitu, lu giganti,

fu 'Mpiraturi di tutti sti 'mprisi

porta li nostri cori palpitanti

e li vasuni di li Catanisi !

Giovanni Formisano

1 maggio 1944

Rinascita anno 1 n 1 , giugno 1944

Ora  e sempre Resistenza !                            

Antonio Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone-

Brindisi  7 maggio 2019

 

-------

(NEL CASO FOSSE STATA VIOLATO IL DIRITTO DI AUTORE SIAMO PRONTI A RIMUOVERE  QUANTO SEGNALATO. Inviare segnalazioni a archiviobpetrone at libero.it  o pugliantagonista at libero.it

 

 

 

home page


 

Open Area Pugliantagonista informa 2007-2017

mail provvisoria

pugliantagonista@libero.it


 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it
 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it