Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/elenco

BRINDISI: città senza memoria/1

link

 

INDICE GENERALE

 

POESIE:

 

 

è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

MAURO IL NAPOLETANO 

Ciao Mauro,

i bambini  di  cinque generazioni di Brindisi ti mandano l'ultimo  caro saluto!

 

Mauro de Robertis, detto "Mauro il napoletano" ieri ha deciso di trasferire il suo negozio,  in occasione delle feste natalizie, con  la sua attività  di giocattolaio presso una sede con una clientela di bambini più vasta, dove tutti noi speriamo che il sorriso almeno lì regni eterno; quello stesso sorriso col quale per decenni, Mauro,da dietro il suo modesto bancone, ha accolto grandi e bambini  che entravano nel suo originalissimo locale.

 

Quel negozietto all'angolo di Piazza degli Angeli a Brindisi è stato per cinque generazioni di bambini il primo punto di riferimento per le necessità quotidiane legate alle esigenze scolastiche , quaderni, matite penne; ma vi si potevano anche gustare caramelle,  i dolcetti in pan di zucchero , le liquirizie dalle mille forme e adocchiare il trenino di latta, il pinocchio di legno, l'aeroplanino che lui da bravo giocattolaio aveva disposto appesi come burattini sulle pareti o nella vetrina che si affacciava su via Carmine od ancora  gettati in una piacevole confusione tra vasetti di vetro in cui  si alternavano caramelle e soldatini.

 

Per chi è stato cliente sin da bambino da Mauro, entrare nel suo negozio significava ogni volta  fare un meraviglioso viaggio all'indietro nel tempo e quella apparente confusione  ti donava uno stordimento che partendo dagli occhi ti entrava nel cuore facendoti riassaporare sensazioni e ricordi ritenuti sepolti dietro il cemento armato della quotidianità.

 

Col passare degli anni, noi "bambini di Mauro", divenuti " grandi" e genitori a nostra volta, ci sentivamo in dovere almeno per  le feste di portare i nostri figli, con la scusa di cercarvi quel particolare pupazzo del presepe o "le scintille" da accendere per le feste,  per fargli conoscere il giocattolaio  che ci aveva donato  nella nostra giovine età la cosa più bella che si può donare a un bambino, il SORRISO.

 

Purtroppo Brindisi,  tra veleni industriali e politici  e la disgregazione di un tessuto sociale  ed urbanistico che ha fatto del centro storico cittadino una vuota e solitaria vetrina, buona sola per il passeggio serale lungo i corsi principali,  è improvvisamente invecchiata.

 

Una città antica ma, volutamente, senza memoria e che non ha retto all'impatto della modernità, fatta da ipermercati dove ai bambini di sei anni già gli si propone il telefonino o la playstation e offrirgli invece  il trenino di latta da spingere con le mani , rincorrendo quello degli altri bambini , è di fatto una bestemmia.

 

Una città praticamente senza bambini e quei pochi che  nascono  hanno  genitori che non ricordano più di esserlo stati, una città che ha visto morire una tradizione di mastri ferrai, carpentieri, bottai, vinificatori, agricoltori, coltivatori di meloni dal sapore unico, di pescatori che nel mercato coperto ti facevano gustare cozze , vongole, spuenzoli, cozze penne e datteri da far risuscitare l'impossibile..., una città che ha fatto chiudere anche quel piccolo tessuto di commercianti come Mauro che  avevano come fornitori altri piccoli, umili produttori di cose semplici,... come si diceva un tempo... per proletari.

 

Mauro se ne era accorto da tempo ma, testardamente sperava che,  anche con il suo solo sorriso, che attendeva chiunque dietro quella vetrina, sarebbe potuto servire a cambiare questo sfacelo.

Ieri , forse stanco di aspettare che da quella porta di Via Carmine si affacciasse un sindaco..che dico, un assessore,,, ma anche un solo miserabile di quei politici che li vedi  col sorriso artificiale dipinto sul viso delle campagne elettorali e che cercano a tutti i costi di stringerti la mano, che gli dicesse solo:

-" GRAZIE MAURO! per il tuo lavoro, per aver fatto dono della tua  ostinata presenza in questa città !

 e invece niente...

 

ebbene  Mauro ieri  ha deciso di traslocare in un posto dove forse il valore di un sorriso , di una parola piena di affetto, una carezza, come quelle  che lui donava anche ai bambini più capricciosi, , ha sicuramente più valore di tanti soldi nascosti nelle cassette di sicurezza delle banche, delle ville al Casale , delle vacanze esotiche o del semplice aggirarsi come zombie negli ipermercati...

 

Con tanto affetto e gratitudine

Antonio " Tonino" Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone

archiviobpetrone@libero.it

 

Brindisi 11/12/07

RINGRAZIAMO IL QUOTIDIANO  DI BRINDISI PER AVERCI PUBBLICATO QUASI INTEGRALMENTE QUESTO NOSTRO RICORDO E PER AVER CONTRIBUITO  CON ALTRI  ARTICOLI

 

 

home page

 

Open Area Pugliantagonista informa

mail provvisoria

pugliantagonista@libero.it

 
 

 
Osservatorio sui Balcani di Brindisi
osservatoriobrindisi@libero.it
 
 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it