Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

ritorna a >HOME PAGE<

chi siamo documentiantifa ricordi/poesia memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

indice/elenco

INDICE GENERALE

BRINDISI e i movimenti 

femministi , antiomofobia

 e liberazione sessuale: 

COLLETTIVO ATTIKA/1

link

MOVIMENTI E COLLETTIVI STUDENTESCHI
MOVIMENTI DI LOTTA, SOCIALI, AMBIENTALI,ECC
PARTITI E GRUPPI  SINISTRA RIVOLUZIONARIA
MOVIMENTI SINDACALI
PARTITI POLITICI
MOVIMENTI RELIGIOSI DI BASE
ANTIMILITARISMO E PACIFISMO
INTERNAZIONALISMO
FEMMINISMO/LIBERAZIONE SESSUALE
ANTIRAZZISMO
CULTURA UNDERGROUND/ MUSICA
GRUPPI CLANDESTINI E LOTTA ARMATA
 
è consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

COLLETTIVO  OMOSEX ATTIKA di Brindisi

e

le attività nel Centro Sociale di Via Santa Chiara (Br)

Intervista  A Mario Merico dell’agosto 2011 su collettivo Attika del Centro Sociale di Via Santa Chiara,  a Brindisi

Stiamo sfogliando un’album di fotografie che appartiene a Mario Merico , figura di spicco del vecchio Centro Sociale di Brindisi, di via Santa Chiara con un passato come operatore per la prevenzione della tossicodipendenza e dell’AIDS.

Nelle nostre mani ci ritroviamo alcune foto in cui lo ritraggono insieme ad alcune nostre conoscenze degli anni 70-80,ma anche dei giovani , sotto lo striscione del collettivo Attica.

Archivio: “-Dove sono state scattate queste foto? Alcune sono molto graziose? Coloro che sono ritratti  in questa foto con lo striscione sono tutti brindisini?”-

Mario, pazientemente risponde al nostro fuoco di fila delle domande alimentate dalla curiosità:

M:-“ Queste foto sono state scattate a Napoli nel 1996 in occasione della manifestazione nazionale dei movimenti omosessuali. In questa foto ci sono una buona parte degli appartenenti del collettivo Attika di Brindisi e altri li puoi ritrovare nelle altre foto che riguardano quella giornata. Immaginati che riuscimmo per l’occasione a riempire un intero pulman per la Provincia di Brindisi e penso che sia stato quello il momento migliore del collettivo.”-

A:-“Come nasce Attika? Perché quel nome?”-

M:-“Il collettivo nasce tra il 1984 e il 1985 tra le mura del Centro Sociale  come esigenza di un gruppo di operatori ed utenti del Centro, Il nome lo prendemmo da quello di una regione della Grecia dove nell’antichità l’omosessualità non era vista come una violazione delle leggi della società del luogo. All’inizio eravamo circa 7-8 omosessuali che ci riunimmo , partorimmo l’idea di Attika e poi la comunicammo agli altri operatori del Centro.

A:-“Cogliendo l’occasione che ci dai per comprendere meglio quali erano le dinamiche  che regolavano i rapporti tra gli operatori e gli stessi utenti del Centro vorremmo capire il passaggio che sancì l’ufficializzazione di Attika come collettivo “interno “ al Centro Sociale.”-

M.:-“E’ semplice, un gruppo di noi di Attika comunicò verbalmente agli altri compagni la nostra intenzione di costituire il gruppo, i temi generali sui quali si sarebbe mosso e come esso avrebbe collaborato in tutte le attività che il Centro sociale avrebbe condotto sui temi dei diritti civili,  e nel campo della prevenzione della tossicodipendenza e dell’AIDS e questo bastò affinché il Centro sociale divenisse la casa di Attika”-

A:-“Da quanto ci dici fai capire che nel Centro vi fosse una larga autonomia  nella possibilità di gestire gli spazi…-

M:.-“Certo, naturalmente vi erano dei limiti “politici”… è evidente che non sarebbe stato tollerata la presenza di fascisti, spacciatori, malavitosi o  gente collusa con gli sbirri. Ogni volta che vi è stato qualche pericolo del genere si è agito sempre drasticamente e qualche volta abbiamo dovuto anche difenderci da attentati o intimidazioni …-

A:-“Certo , ricordo perfettamente quando ci hanno incendiato più di una volta il portone del Centro, ma anche la stessa aggressione di cui tu fosti coinvolto ebbe degli aspetti molto oscuri e tutti la interpretammo proprio come  un segnale inviatoci contro le attività scomode del Centro e delle regole che impedivano l’ingresso di certi soggetti in quella che forse era l’unica cosa pulita  funzionante in città.

Ma torniamo ad Attika chi furono i promotori del collettivo e quale il programma iniziale?”-

M:”-Il promotore fui io, poi altri compagni che si dichiaravano omo come Mino, o Valerio e l’idea nacque parallelamente al lavoro che il Centro stava portando avanti nel campo della prevenzione all’AIDS, ovvero perché non aprire una campagna di informazione e prevenzione sull’AIDS tra i soggetti Omosessuali ed in particolare i giovani? Incominciammo così con un’inchiesta tra i giovani delle scuole tramite un questionario ed i cui dati ci permisero di comprendere come  e di che dimensione fossero le esigenze  dei giovani omosessuali ( dichiarati o no) nelle scuole brindisine e poi di mettere in campo strategie per contattarli prima e poi a coinvolgerli direttamente ai temi che portava avanti il collettivo Attika

Grazie a questo lavoro si riuscì a passare ad una seconda fasce, quella in cui furono gli studenti omosessuali n e non simpatizzanti di Attika che continuarono a  distribuire questionari, materiale di informazione sull’AIDS ed addirittura il bollettino di Attika nelle scuole.”-

A:-“ Le attività di Attika si limitavano alla distribuzione di materiali?

M.:-“No assolutamente, abbiamo organizzato, assemblee , dibattiti,  ed in particolare ci siamo mobilitati al fianco di tutti coloro , ed in particolare gli altri operatori del Centro Sociale nella preparazione e nello svolgimento della giornata del 1 dicembre quella che per molti anni ci ha visti portare nei cinema-teatro cittadini la popolazione scolastica brindisina per la sensibilizzazione di questa tema . Ricordo in particolare un applauditissimo intervento di Mino L. del nostro collettivo durante uno di quei primi dicembre. Grazie a tutto ciò il collettivo crebbe raggiungendo le 50 unità e coinvolgendo soggetti di tutta la provincia”-

A:-Il collettivo Attika da tempo ha terminato di esistere, quali furono i motivi del suo autoscioglimento?La causa fu il trasloco coatto del Centro Sociale da parte del Comune  e della sovrintendenza in un altro luogo meno centrale rispetto a via Santa Chiara?”-

M:-“ Su questo bisogna esser sinceri, non fu il semplice trasloco geografico a determinare la chiusura dell’esperienza di Attika. Lo stesso collettivo ha continuato ancora per qualche anno a ritrovarsi nei locali messi a disposizione nell’edificio di via Cappuccini, attrezzando addirittura una stanza per le sue attività, ma altre sono state le vere cause,  alcune oggettive come ad esempio il fatto che la maggior parte dei giovani sono stati costretti ad emigrare , al Nord o all’estero, per trovare lavoro, altri fattori sono quelli soggettivi ovvero più personali dettati da una forma di lassismo ed imborghesimento di alcuni appartenenti al collettivo che nella fase di “scazzo” più acuta definimmo “aristochecche” che avendo raggiunto uno status economico e una tranquillità emotivo-sessuale con la creazione di legami con partner che  magari non condividevano o semplicemente snobbavano il collettivo,semplicemente si allontanarono sentendosi appagati del loro status con la scusa che ormai essere riconosciuti come omosex non era più uno scandalo nè fonte di particolari discriminazioni neanche nella nostra piccola città di provincia.

All’inizio degli anni 2000 il collettivo quindi termina di fatto le sue attività ufficiali.”-

A:-“Cosa rimane di oltre dieci anni di attività, oltre queste foto? “-

M:-Rimangono moltissimi materiali che sarebbe interessante archiviare e catalogare tra i quali lo stesso  statuto del collettivo,  i questionari, le interviste, gli stessi articoli pubblicati a nome del collettivo nelle fanzine del Centro Sociale.”

A:-“ Quanto dici ci spinge come Archivio Storico Benedetto Petrone  a metterci a disposizione per quest’opera di salvataggio della memoria di un’esperienza unica  e molto importante nella vita sociale e civile della nostra città negli anni 80 e 90 “-

 

Il Centro Sociale di Brindisi :gli uomini , le donne , le storie  , alla ricerca della memoria perduta

a cura dell’Archivio Storico Benedetto Petrone

 

 Brindisi 30 agosto 2011

per leggere le attivita' di Attika cliccare qui>>>

 

MANIFESTAZIONE NAZIONALE A NAPOLI 29 GIUGNO 1996 e la proposta dedle collettivo Attika:

modifica  art 1 della Costituzione:

L’Italia è una Repubblica fondata sul rispetto della dignità di ogni essere che vive sul nostro pianeta.

 

 

L'INTERVENTO DEL COLLETTIVO ATTIKA  AL COMIZIO CONCLUSIVO DELLA MANIFESTAZIONE DI NAPOLI

29 giugno 1996, salutiamo tutti gli omosessuali e gli amici presenti in questa manifestazione.

Il Collettivo Di Cultura Omosessuale ATTIKA di Brindisi è orgoglioso de essere qui con voi, convinto di partecipare ad un evento storico del movimento in Italia.

La partecipazione numerosa di omosessuali meridionali ci fa ben sperare per il riconoscimento dei nostri diritti su tutto il territorio nazionale.

Pur difendendo le individualità dei vari gruppi omosessuali e delle loro scelte in merito alle azioni da compiere riteniamo che sia necessario non frammentarci in contrapposizioni sterili consapevoli che i punti di vista sono diversi ma questo non deve impedire il confronto semmai deve qualificarlo.

La fase politica e sociale che il nostro paese attraversa ci fa ritenere che sia molto pericoloso isolarci nel nostro recinto di rivendicazioni senza guardare a tutte le minoranze esistenti in Italia e nel Mondo.

Non basta il riconoscimento delle unioni civili o la promulgazione di qualche legge di tutela per rendere le persone omosessuali SOGGETTI e PROTAGONISTI della vita civile di un Paese.

Questo periodo di individualismo ed egoismo deve farci riflettere sul vero obiettivo delle nostre rivendicazioni; non è nè l’omologazione nè la patente di diversità che dobbiamo chiedere fermamente ma bensì dobbiamo lottare perchè in Italia, sia a livello istituzionale che sociale, niente e nessuno possa stabilire come ogni persona debba vivere riconoscendo nella diversità delle opzioni una risorsa per tutta l’umanità.

Si parla in questi giorni di costituente per il cambiamento della Costituzione Italiana, la nostra proposta è quella di riformulare l’articolo 1 nel seguente modo:

L’Italia è una Repubblica fondata sul rispetto della dignità di ogni essere che vive sul nostro pianeta.

Ci piacerebbe sviluppare questo concetto invitando i vari gruppi che si occupano della tutela dei diritti di minoranze a contattarci per confrontarsi con questi temi e organizzare delle azioni politiche

 

 

 

Il collettivo Attika e le attività nel Centro Sociale spiegato in un suo manifesto

CHI SIAMO

le attività

la dedica  al collettivo Attika su una Guida Gay regalata da Pino Arnò 

 

 

Pino  mentre assiste ad un concerto nei giardini del Centro Sociale di Via Santa Chiara...

Pino è deceduto alcuni anni fa mentre faceva un'escursione sulle montagne dell'Himalaya...La passione per la montagna in lui era intensa...

 

PAGINA CORRELATA : LE ATTIVITA' DI ATTIKA /2

home page


  Open area di

 

 

 
Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it