Archivio storicol'archivio dei movimenti pugliesi"Benedetto Petrone"

per non dimenticare Benedetto Petrone, Fabrizio Ceruso, Walter Rossi. Saverio Saltarelli...

chi siamo documenti ricordi memoria fondi      foto/  video mail
Bari

Brindisi/ Ostuni

Lecce Taranto Foggia Italia  Mondo
 

ritorna a HOME PAGE

 
categorie/index

l'annuario dell'archivio  2002 /3

da Genova e l'11 settembre ai    nuovi movimenti

link

1800/1918
1918/1945
1945/1967

1968

1969/1976
1977
1978/1990
1990/2001
2001>>
 
Resistenza
l'altra Resistenza
Antifascismo
Puglia rossa
Irpinia ribelle
Iniziative
Benedetto Petrone
 
Genova 2001
Ylenia
 consentita  la riproduzione a fini non di lucro dei materiali dell'Archivio Storico Benedetto Petrone con l'obbligo di riportarne  la fonte

FIERA DEL LEVANTE :settembre 2002

Fiera del Levante di Bari, pagine di proteste e storie piene di paradossi

Parte prima

Fiera del Levante 2002, l’antagonismo pugliese contro i tagli alla sanità pubblica.

Berluska se ti devi ricoverare…dalla Puglia te ne devi andare

no riordino ospedaliero 2002 di Fitto

L’inaugurazione della 83esima edizione della Firra del Levante di Bari, coincide quest’anno  con l’inizio della temuta seconda ondata dell’epidemia di Covid 19 e che, a detta del ministro Speranza, metterà a dura prova per i prossimi mesi  l’intera struttura della sanità pubblica italiana.

Una sanità pubblica che, paradossalmente,  all’inizio di questo millennio( poco meno di 20 anni fa) era ritenuta un carrozzone inutile e da privatizzare nelle sue parti essenziali e che vide noi i antagonisti pugliesi alla testa delle lotte contro i piani di smantellamento che Berlusconi e Fitto portavano avanti in Puglia.

 Esattamente 18 anni fa , nel settembre del 2002 eravamo dinanzi alla Fiera del Levante per protestare contro il piano di smantellamento ospedaliero, tanto auspicato da Fitto e paradossalmente,  con rara preveggenza, consigliavamo a Berlusconi ,se avesse avuto a bisogno di ricoverarsi di non farlo in Puglia. Così è avvenuto quest’anno e se oggi se pur mal messo, il Berluska è sopravissuto al Covid19, lo è grazie ad aver avuto una suite personale presso il San Raffaele di Milano e come medico personale il suo direttore. Privilegi che qui in Puglia ben pochi potrebbero permettersi se colpiti da coronavirus. Un piano di riordino ospedaliero respinto dal popolo pugliese in millle contestazioni ma che poi fu mutuato  ed accettato con ritocchi dai successivi amministratori di centrosinistra accogliendo  gli astrusi  calcoli di contabili da quattro soldi  e che quest’anno,  in occasione della pandemia ha messo in luce le carenze che ha prodotto.

Quel giorno , del 2002 c’eravamo noi brindisini, dei COBAS, del Socialforum, di Medicina Democratica,

c’erano i compagni Ostuni-Carovigno, e tra questi il nostro indimenticabile Carlone Moccia,

c’erano i compagni di Taranto tartassati da inchieste degne dei peggiori anni della legislazione d’emergenza con magistrati ammalati di complottismo e coalizzati nel terrore che il Sud Ribelle , potesse divenire un riferimento delle lotte sociali ed ambientali del nostro Meridione e capace di sovvertire equilibri mafiosi e lobbistici, ,

c’erano i compagni di Bari,Nicola, Titta, Andrea insieme ai compagni di Barletta,tutti  impegnati nella battaglia per l’acqua pubblica, ma anche contro i fascisti baresi che avevano rialzato la testa e, ma anche  impegnati nelle battaglie di solidarietà internazionalista, sventolando le bandiere di Euskadi e del popolo basco e fermandosi a protestare sotto il consolato spagnolo

Antonio Camuso

Archivio Storico Benedetto Petrone

Brindis 3 ottobre 2020

 

HOME PAGE


OPEN AREAL'informazione

 di

 

 

Osservatorio sui Balcani

di Brindisi

 

osservatoriobrindisi@libero.it

 

Archivio Storico
Benedetto Petrone
 
mail provvisoria
archiviobpetrone@libero.it