Archivi in rete.Per non dimenticare

 

CONTATTACI

archiviobpetrone@libero.it

9 MARZO 85 -9 MARZO 2008

 ONORE AL COMPAGNO COMPAGNO PEDRO

Onoriamo il compagno Pedro,  figlio del nostro Sud che mise la sua vita, la sua giovinezza,  il suo ardore di meridionale al servizio della rivoluzione sociale

LA REDAZIONE DELL'ARCHIVIO  STORICO BENEDETTO PETRONE CONTRIBUISCE AL RICORDO DI PEDRO  ATTRAVERSO LA LETTURA DELL'ARTICOLO  DEL GIORNALE AUTONOMIA N 37 NOVEMBRE 86 DEDICATO ALLA VERGOGNOSA SENTENZA DI PRIMO GRADO DEL TRIBUNALE DI TRIESTE CHE  DI FATTO LEGITTIMAVA L'OMICIDIO DI PEDRO:

- I POLIZIOTTI SPARARONO PIù VOLTE SU PEDRO A BRUCIAPELO PERCHE' AVEVA UN OMBRELLO CHE SEMBRAVA UNA PISTOLA.! UN OMBRELLO  DI QUELLE CARATTERISTICHE CHE NON FU MAI RITROVATO|!...

                           

 

------------------------------------------------------------------------------

 

nota della redazione dell’Archivio S, B.Petrone: ringraziamo i compagni del Circolo CIRCOLO DI INIZIATIVA PROLETARIA GIANCARLO LANDONIO di Busto Arsizio che ci inviano questo ricordo dell’omicidio di Pedro, reperito sul sito http://www.autprol.org/ e che noi pubblichiamo integralmente.

 

dal sito http://www.autprol.org/
 

                                     9 MARZO 1985: OMICIDIO DI STATO

PEDRO: LO STATO BORGHESE UCCIDE UN MILITANTE COMUNISTA


Nei primi giorni di marzo la Digos di Trieste riceve una segnalazione
dal Sisde (il Servizio Segreto del Ministero degli Interni) della
presenza di Pedro a Trieste in via Giulia 39. Il questore di Trieste è
Antonino Allegra, capo della squadra politica di Milano quando fu
"suicidato" l'anarchico Pinelli.

Sabato 9 marzo ore 11.

Pedro esce di casa, dall'appartamento al terzo piano; una volta giù
decide di rientrare.

Appostati all'esterno ci sono 4 sicari dello Stato italiano. Sono
Nunzio Maurizio Romano, agente del Sisde (che ha il compito di
riconoscerlo); Giuseppe Guidi, viceispettore della Digos; Maurizio
Bensa e Mario Passanisi, agenti della Digos di Trieste.

Il Romano, il Guidi e il Passanisi entrano nello stabile e si mettono
in agguato nel sottoscala. Quando Pedro discende le scale il Romano gli
si para davanti e spara due colpi calibro 38 a meno di mezzo metro di
distanza che lo colpiscono ai polmoni. Immediato il fuoco incrociato
degli altri due poliziotti killer che colpiscono Pedro con pallottole
calibro 9 alla spalla e alla gamba.
Nel piccolo atrio si conteranno successivamente i segni di almeno una
dozzina di colpi.

Pedro fa appello per l'ultima volta alla sua straordinaria forza di
volontà, uscendo in strada e impedendo così che tutto si svolga senza
testimoni. Esce, ferito mortalmente, parecchi passanti lo sentono
gridare "mi vogliono ammazzare mi vogliono ammazzare". Il Bensa,
rimasto all'esterno dello stabile, appena vede Pedro gli spara, alle
spalle. Pedro si accascia sanguinante dopo pochi metri. Il Passanisi lo
ammanetta.
Trasportato in ospedale con notevole ritardo, muore verso le 11.50.

Non ci sono dubbi sulla premeditazione dell'omicidio.
L'agente del Sisde che non avrebbe dovuto nemmeno partecipare ad
operazioni di polizia, ha invece determinato l'agguato di via Giulia.
E' stato lui a decidere di entrare nello stabile e a sparare per primo.

Alla notizia della morte di Pedro migliaia di comunisti e proletari
scendono con rabbia e con dolore nelle piazze, da Trieste a Padova,
dalla Calabria a Parigi per denunciare lo stato assassino e rivendicare
l'internità di Pedro al movimento di classe e la sua identità
rivoluzionaria ed internazionalista. Giungono comunicati di solidarietà
dai compagni prigionieri d'Italia, Spagna, Francia.

Chi era Pedro

Pietro Maria Walter Greco, conosciuto da tutti come "Pedro", figlio di
proletari calabresi di Melito Porto Salvo arriva a Padova alla fine
degli anni sessanta per studiare. Si iscrive a Statistica, conseguirà
più tardi la laurea che gli permetterà di lavorare come insegnante di
matematica e con il suo lavoro sostenere la famiglia al Sud.

Dal suo arrivo a Padova la sua presenza all'interno del movimento di
lotta è instancabile. Centinaia e centinaia di proletari lo ricordano
al proprio fianco nelle iniziative nei quartieri, dove si sviluppava
come in tutta Italia, un forte movimento per il diritto alla casa;
occupazioni, autoriduzioni contro il caro affitto unite alla lotta per
i servizi nel territorio. Significative nel '72 le occupazioni di case
in via Tirana nel quartiere Savonarola.

E ancora lo ricordano, sempre in prima fila, nelle mobilitazioni di
massa e nell'antifascismo militante che hanno caratterizzato quegli
anni contro le trame nere, le stragi fasciste fino alla grande
manifestazione del 3 giugno 1975 a Padova che contestava il comizio di
Almirante.
Poi la lotta per le mense, gli spazi sociali, la lotta sul posto di
lavoro.

La sua presenza piena di forza e determinazione, la sua spontanea e
grande capacità di coinvolgimento era troppo scomoda.

Scatta il primo tentativo di eliminarlo.

E' l'11/3/80. Il mandato di cattura che costringe Pedro alla latitanza
è per reato associativo e per partecipazione ad una manifestazione del
'77 terminata con scontri con la polizia.
E' firmato da Pietro Calogero, magistrato che si distinse a cavallo
degli anni '70 e '80 per il suo zelo antiproletario e anticomunista
incarcerando decine e decine di proletari e di comunisti che erano
stati interni alle lotte degli anni '70.

La testimonianza contro Pedro è sostenuta da un tossicodipendente
Maurizio Lovo.
"...non ricordo la presenza di Pedro alla manifestazione, sono
comunque indotto a pensare che ci fosse..." questa la deposizione del
Lovo.

Vista l'inconsistenza delle accuse, al processo per direttissima Pedro
viene stralciato costringendolo così a prolungare la sua latitanza.
Tutto questo gli costa la perdita del posto di lavoro da insegnante. La
sentenza del TAR che decreta la sua riassunzione e il riconoscimento
degli emolumenti arriva provocatoriamente solo dopo il suo assassinio.

Nel maggio 1981, grazie alla mobilitazione dei compagni Pedro è
prosciolto e ritorna a Padova dove continua il suo encomiabile apporto
alle lotte proletarie: da quelle dei precari del censimento a quelle
dei precari della scuola, si batte per la riconquista del posto di
lavoro.

E ancora, è a fianco di chi lotta per la casa nel Ghetto dove abita e
agli occupanti del condominio Sereno al Portello.
Occupa il Centro Sociale "Nuvola Rossa" nel quartiere Savonarola.
Questa sarà una delle prime e più grosse esperienze di aggregazione
giovanile proletaria a Padova. Sono i primi mesi del 1982. Pietro
Calogero col blitz denominato di "Quaresima" spicca decine di mandati
di cattura. Pedro è di nuovo costretto alla latitanza.

Questa volta il pentito di turno è Mauro Paesotto, l'imputazione
sempre la stessa: il reato associativo "costituzione di banda armata
non denominata" senza alcun riferimento a fatti specifici e senza
alcuna prova.

Per Pedro questa latitanza sarà senza ritorno.

Al famoso processo 7 aprile nel '86 i coimputati di Pedro, quelli che
avevano lo stesso identico mandato di cattura, vengono assolti e
tornano in libertà.

Queste inchieste che hanno colpito Pedro si collocano all'interno
dell'ondata repressiva che Stato, Magistratura e Polizia con l'avallo
del sistema dei partiti, compresi la sinistra parlamentare e gli organi
di informazione asserviti al potere, hanno messo in atto alla fine
degli anni '70 contro l'intero movimento di classe che si è espresso
con potenza a livello nazionale in tutto il decennio.
L'obiettivo è quello di fermare i movimenti e di eliminare le
avanguardie comuniste.

Lo stato borghese e i padroni che si dibattono in una crisi
strutturale senza soluzioni, a fronte di un formidabile ciclo di lotta
che ha posto con chiarezza il problema del potere, mettendo il loro in
discussione, non vedono altra soluzione che la repressione.
Gli strumenti utilizzati sono il terrore di massa e la
criminalizzazione delle lotte.

Pochi giorni prima del blitz di Quaresima nella caserma della Celere
di Padova si torturano i militanti delle Brigate Rosse. Il movimento
risponde scendendo in piazza. Pedro è presente.
In un clima di terrore e di caccia alle streghe si arresta in massa.
In poco tempo si arriverà in Italia alla cifra di 12.000 fra mandati di
cattura e comunicazioni giudiziarie. Questa cifra è di per sé
significativa della consistenza reale dei movimenti che si sono
sviluppati in quegli anni.

Lo scopo ultimo è quello di eliminare le avanguardie comuniste. Per
questo col passare del tempo gli strumenti repressivi si affinano e
diventano selettivi dai pentiti alla dissociazione, dalle carceri
speciali al regime differenziato con l'articolo 90, fino alla tortura e
agli assassini.

Il movimento di classe nonostante i grossi attacchi subiti non si
arresta.
Contro di esso le forze politiche che hanno fondato il loro potere
sull'emergenza preparano l'assassinio di Pedro.
Alla fine del '84, all'interno di una campagna sull'Euroterrorismo
basata sugli interventi di Craxi che parlava di "infiltrati" nel grande
Movimento per la pace e contro la Nato, 36 Magistrati tifosi delle
leggi di emergenza incitano Scalfaro ministro dell'Interno a proseguire
con l'emergenza.

In questo contesto viene ucciso Pedro.

Questo assassinio non fu il solo tragico episodio della primavera
1985.
Una strage di zingari a Pordenone, 4 evasi dal carcere di Pescara
vengono fucilati nel sonno a Roma, nelle montagne attorno ad Orgosolo
si apre una caccia all'uomo contro alcuni ricercati che vengono
intercettati, uccisi e i loro cadaveri trasportati come cinghiali sul
tetto delle auto della polizia.
Logiche omicide dello Stato dell'emergenza, figlie di una campagna
repressiva su scala internazionale.

E' in quel periodo che si sviluppa la cosiddetta cooperazione europea
contro la criminalità e il terrorismo.
All'inizio dell'anno l'apparato di comando dei paesi dell'Europa
occidentale si impegna nella costruzione di uno Spazio di Polizia
Europeo: spazio che permetta con accordi pubblici e segreti di aggirare
le diversità giuridiche dei singoli stati soprattutto in materia di
reati politici.
E' il governo italiano di Craxi e Scalfaro che sopravvive di emergenza
in emergenza che spinge a concludere accordi per ottenere
l'estradizione degli esuli politici da Parigi.
E' il Partito delle leggi speciali, dei reati associativi, delle leggi
premiali che vuole un'emergenza europea.

http://www.autprol.org/